Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 13 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Screening della celiachia: utile o dannoso?
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica
Dopo un'attenta revisione della letteratura la USPSTF ha concluso che non ci sono prove a favore o contro lo screening della celiachia in soggetti asintomatici.


La celiachia è una condizione relativamente comune nella medicina di comunità e va ricercata in presenza di sintomi e segni non solo di tipo gastroenterologico [1].

Lo screening in soggetti asintomatici potrebbe essere utile? La United States Preventive Services Task Force, dopo un ampio esame degli studi presenti in letteratura, ha concluso che non lo sappiamo.

In pratica la Task Force americana sentenzia che non ci sono studi per poter valutare i benefici e i rischi dello screening in soggetti asintomatici.

Esaminiamo più in dettaglio le conclusioni della USPSTF.


1) Non ci sono evidenze adeguate circa l'impatto dello screening in soggetti asintomatici su mortalità, morbilità e qualità di vita. Per la verità non ci sono evidenze adeguate neppure per soggetti a rischio (per esempio per familiarità o altri fattori di rischio come le patologie 
autoimmuni).

2) Non ci sono evidenze adeguate circa i benefici del trattamento in soggetti asintomatici diagnosticati tramite screening rispetto a soggetti in cui il trattamento sia stato iniziato dopo una diagnosi clinica.

3) Non ci sono evidenze adeguate circa i pericoli dello screening.

4) La storia naturale della celiachia silente e della celiachia potenziale non è nota. Per celiachia silente si intende una celiachia diagnostica grazie ai test sierlogici e alla biopsia intestinale in cui non siano presenti sintomi. Per celiachia potenziale si intende una celiachia con test positivi, danno intestinale lieve o assente, presenza oppure assenza di sintomi. Non è noto se queste due forme di celiachia vadano incontro, con il tempo, ad una celiachia classica oppure siano tipi distinti di malattia.


Che dire?

Purtroppo ancora una volta si deve constatare che la letteratura è povera di dati e non è possibile trarre una conclusione affidabile su una pratica di screening nè a favore nè contro. 
In attesa di studi che possano meglio chiare la questione come comportarsi? A quali soggetti richiedere i test per la celiachia?
Ci sembra che siano condivisibili le raccomandazioni di alcune Società Scientifiche (American College of Gastroenterology, U.K. National Institute for Health and Care Excellence, North American Society for Pediatric Gastroenterology, Hepatology, and Nutrition) citate dalla Task Force americana. 
Queste raccomandazioni ricalcano sostanzialmente quanto scrivemmo in una pillola precedente alla quale rimandiamo [1].


Renato Rossi


Bibliografia


1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=4691

2. United States Preventive Services Task Force. Draft Recommendation Statement.
Celiac Disease:Screening.
http://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/draft-recommendation-statement150/celiac-disease-screening

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.58 Secondi