Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 12 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Mortalità nel diabete tipo 2
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica  
Uno studio osservazionale svedese suggerisce che non tutti i diabetici hanno uno stesso rischio di mortalità .


Si ritiene che il paziente diabetico abbia un rischio di mortalità maggiore rispetto ai soggetti non diabetici. In realtà uno studio osservazionale svedese suggerisce che potrebbe non essere così.

In questo studio sono stati analizzati i dati dei pazienti diabetici iscritti preso il Registro Diabetico Nazionale Svedese a partire dal 1998. Per ogni paziente iscritto sono stati selezionati, dalla popolazione generale, cinque controlli paragonabili per età e sesso.

Il follow up è durato fino al 31 dicembre 2011. 

La mortalità totale fu del 17,7% nella popolazione diabetica e del 14,5% nella popolazione generale
(HR 1,15; 95%CI 1,14-1,16). Questo dato era atteso, come era da aspettarsi che nei diabetici vi sia una maggior mortalità cardiovascolare (7,9% versus 6,1%; HR 1,14; 95%CI 1,13-1,15).

Vi è da dire, tuttavia, che in questo studio l'eccesso di mortalità nei soggetti diabetici, rispetto ai non diabetici, è risultata inferiore di quella riscontrata in altri studi.

Ma questo non è il solo dato che ci preme ricordare.

La ricerca, infatti, ha permesso di evidenziare che la mortalità dipendeva, nei diabetici, da alcuni parametri: età giovane, cattivo controllo glicemico e presenza di gravi complicanze renali.

Alcuni esempi potranno megli chiarire questi aspetti.

Nei soggetti diabetici con meno di 55 anni (che pur avevano un buon compenso metabolico: emoglobina glicata inferiore o uguale a 6,9%) la mortalità totale era aumentata, rispetto alla popolazione generale, del 92% (95%CI 1,75-2,11). Nei corrispondenti soggetti diabetici >/= 75 anni, al contrario, la mortalità totale, rispetto ai controlli, era diminuita del 5% (95%CI 0,94-0,96).

Nei pazienti diabetici con meno di 55 anni che avevano sempre un controllo ottimale glicometabolico (emoglobina gliacata =/< 6.9%) e un valore normale di albuminuria, la mortalità totale, rispetto ai controlli, era aumentata del 60%. 
Invece nei corrispondenti soggetti più anziani la mortalità, rispetto ai controlli, era ridotta: del 13% per quelli di età compresa tra 65 e 75 anni e del 24% per quelli di età superiore ai 75 anni.

Lo studio conferma, quindi, che in generale i pazienti con diabete tipo 2 hanno un rischio aumentato di mortalità totale e cardiovascolare rispetto ai soggetti non diabetici. 

Tuttavia i diabetici non sono tutti uguali, un dato che i medici pratici constatano ogni giorno.

Sembra che a parità di condizioni (controllo glicometabolico buono/ottimale e di funzionalità renale non particolarmente compromessa) siano svantaggi i pazienti più giovani rispetto a quelli più anziani. Un dato difficile da spiegare ma che sottolinea la necessità di una grande attenzione nella cura dei diabetici più giovani.

Paradossalmente nei diabetici più anziani che hanno un buon controllo metabolico e valori normali di albuminuria la mortalità sarebbe minore rispetto ai soggetti non diabetici.

Si può quasi dire che il diabete, una volta che si è superata una certa età, non è più in grado, almeno in alcuni casi, di provocare danni. Ulteriori ricerche potranno dire se le cose stanno effettivamente così. E' anche vero, però, che pur nei soggett anziani, la mortalità aumentava nel caso di presenza di complicanze renali e/o di cattivo controllo glicometabolico.



Renato Rossi



Bibliografia

1. Tancredi M et al.Excess Mortality among Persons with Type 2 Diabetes. N Engl J Med 2015 Oct 29; 373:1720-1732

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi