Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 13 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Terapia della gotta: linee guida EULAR 2016
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Le linee guida 2016 della European League Against Rheumatism fanno il punto sul trattamento della gotta.


Questa testata si è già occupata della gotta e del suo trattamento [1].

L'occasione per ritornare sull'argomento è data dalla pubblicazione, da parte della task force EULAR
(European League Against Rheumatism), delle linee guida 2016 [2]. Le precedenti erano state rilasciate dieci anni fa.

Le raccomandazioni delle linee guida derivano da un'ampia revisione sistematica della letteratura con l'analisi delle nuove evidenze pubblicate dopo il 2006.

Possiamo suddividere le raccomandazioni in due sottogruppi.

Il primo sottogruppo riguarda i farmaci consigliati per il trattamento dell'attacco acuto di gotta.
I farmaci raccomandati sono: 
1) la colchicina
2) gli antinfiammatori non steroidei 
3) gli steroidi (per via orale o intrarticolare)
4) una combinazione dei precedenti
Nei casi in cui siano controindicati i trattamenti precedenti si consiglia di prendere in considerazione un bloccante dell'interleukina 1 (anakinra, canakinumab, rilonacept).

Il secondo sottogruppo riguarda il trattamento di base dell'iperuricemia nei soggetti con frequenti episodi acuti. Lo scopo del trattamento è di mantenere l'uricemia al di sotto di 6 mg/dL. Nei casi di forme gravi si dovrebbe mirare ad un target di uricemia inferiore a 5 mg/dL.
Come farmaco di prima scelta si raccomanda l'allopurinolo (inibitore della xantina ossidasi), il cui dosaggio dovrebbe essere personalizzato considerando la funzionalità renale del paziente.
Nel caso di inefficacia dell'allopurinolo si consigliano le seguenti alternative:
1) febuxostat (inibitore della xantina ossidasi)
2) un farmaco uricosurico (probenecid, sulfinpirazone)
3) l'associazione tra un inibitore della xantina ossidasi e un uricosurico.
Nei casi refrattari si può ricorrere al pegloticase [3]. Questo farmaco agisce trasformando l'acido urico in allantoina che è molto più solubile e, quindi, precipita meno facilmente.

Ricordiamo che è opportuno iniziare la terapia ipouricemizzante a distanza di almeno 15-30 giorni dalla fase acuta, meglio sotto copertura della colchicina per evitare le riacutizzazioni durante la fase iniziale della terapia. La profilassi con colchicina dovrebbe durare circa sei mesi.
Per la verità uno studio randomizzato e controllato suggerisce che non vi sono differenze tra prescrizione immediata e ritardata di allopurinolo, ma l'interpretazione di questo dato richiede cautela per la scarsa numerosità del campione arruolato (solo 57 pazienti) [4].



Renato Rossi



Bibliografia


1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5254

2. Richette P et al. 2016 updated EULAR evidence-based recommendations for the management of gout. Ann Rheum Dis. 2016 Jul 25. 

3. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6489

3. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5680

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.50 Secondi