Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 18 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
La Fibrillazione Atriale Parossistica e' meno rischiosa delle altre
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


I pazienti con fibrillazione atriale (FA) parossistica presenterebbero un rischio trombo-embolico ed una mortalità inferiori rispetto a quelli con gli altri pattern di FA. 


La stratificazione del rischio trombo embolico nei pazienti con fibrillazione atriale (FA) si basa soprattutto sul punteggio CHA2DS2-VASc, che non comprende la valutazione del pattern di presentazione dell’aritmia (parossistica, persistente, persistente di lunga durata e permanente). 

Vari studi che hanno valutato l’associazione tra tipologia della FA e rischio di ictus/embolia sistemica hanno prodotto risultati discordanti, sia considerando la terapia con gli anti-vitamina K sia con i nuovi anticoagulanti. 

Ricercatori americani hanno esaminato gli oltre 21.000 pazienti dello studio ENGAGE AF-TIMI 48,nel quale l’edoxaban è risultato non inferiore al warfarin nel prevenire ictus o eventi embolici sistemici. I pazienti, affetti da almeno 1 episodio di FA di qualunque durata con un CHADS2 score maggiore o uguale a 2, sono stati suddivisi in affetti da FA parossistica (durata inferiore a 7 giorni), persistente (maggiore di 7 giorni ma inferiore ad un anno) o permanente (oltre 1 anno o fallimento della cardioversione). 

Gli end point di efficacia e sicurezza, durante il follow-up medio di 2,8 anni, sono stati confrontati in funzione della tipologia di FA, con aggiustamento per le possibili variabili confondenti. L’end point primario di ictus o evento embolico sistemico è risultato inferiore nei soggetti con FA parossistica (1,49%/anno) rispetto alla persistente (1,83%/anno; p=0,015) e alla permanente (1,95%/anno; p=0,004). In generale anche la mortalità per tutte le cause è stata inferiore nei pazienti con FA parossistica (3%/anno) rispetto a quelli con FA persistente (4,4%/anno; p < 0,001) e permanente (4,4%/anno; p < 0,001). 
I tassi di sanguinamento sono risultati simili tra i vari tipi di FA (2,86% versus 2,65% versus 2,73). I pazienti con FA parossistica presenterebbero dunque un rischio trombo-embolico e una mortalità inferiori rispetto a quelli con gli altri pattern. 

Lo studio, osservazionale post-hoc, presenta diverse limitazioni. Ad esempio, la stessa classificazione in tipologie è a rischio di errore, per le possibili sovrapposizioni nella presentazione. I pazienti con FA parossistica presentavano inoltre un burden minore e la durata della FA, parametro importante per la stratificazione del rischio trombo embolico ma ancora di significato incerto, non è stata valutata. 

Nonostante le limitazioni, lo studio fornisce dati importanti che, se confermati in lavori metodologicamente più validi e su popolazioni più rappresentative, possono portare ad una maggiore efficacia nella stratificazione del rischio trombo- embolico dei numerosi pazienti fibrillanti della pratica quotidiana.

Giampaolo Collecchia

Riferimento bibliografico

Mark S et al. Stroke and mortality risk in patients with various patterns of atrial fibrillation. Results from the ENGAGE AF-TIMI 48 trial. Circ Arrhythm Electrophysiol 2017; 10:e004267. DOI: 10.1161/CIRCEP.116.004267 

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi