Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 18 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Permessi per legge 104/92: come regolarsi
Pubblicato da dzamperini in data
Normative di interesse sanitario


  Come e' noto la Legge 104/92 concede ore  o giorni di permesso retribuito al familiare che assiste il parente disabile. A parte i casi di patente abuso (sanzionati dai Tribunali e riportati in questa rivista) il fatto che la legge sia generica e poco specifica puo' creare serie difficolta' interpretative.


La Legge 104 del 5 febbraio 1992 stabilisce che "il lavoratore dipendente, pubblico o privato, che assiste persona con handicap in situazione di gravità" con grado di parentela fino al secondo grado "ha diritto a fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito, anche in maniera continuativa".Il principio appare abbastanza semplice: tutte le ore di permesso retribuito devono essere utilizzate per l' assistenza al disabile.
Ma cosa si intende? E' necessario essere materialmente vicini al disabile? Oppure ci si puo' distaccare per attivita' connesse alla sua assistenza?
In linea di massima la risposta all' ultima domanda e' positiva purche esista un collegamento diretto con le necessita' del disabile, e non ci si serva delle ore di permesso per interessi personali.Ma quali sono, allora, in concreto, le attività di assistenza al parente disabile permesse?
Sono tutte le prestazioni assistenziali finalizzate al soddisfacimento dei bisogni del disabile anche fuori del suo domicilio(prendere i farmaci in farmacia, fare la spesa per suo conto, accompagnarlo per commissioni o per necessita' di qualsiasi tipo).
Poiche' non esiste una linea precisa di demarcazione tra attivita' utili e non utili al disabile, la giurisprudenza ha usato in diversi casi un principio di ragionevolezza. Occorre pero' stare attenti a non uscire dal seminato in quanto l' utilizzo a scopo "privato" dei permessi puo' comportare il licenziamento: la Cassazione ha in piu' occasioni confermato la massima sanzione disciplinare.
Nella sentenza 17968/2016 ha confermato il licenziamento di una impiegata comunale che utilizzava i permessi per andare all' Universita', senza che potesse avere valore il fatto che l' assistenza venisse poi svolta la sera: l'attività di assistenza deve essere necessariamente svolta in coincidenza temporale con i permessi accordati.
Ne' si puo' invocare la tesi che il permesso dal lavoro avesse scopo di "ristoro psicofisico" del lavoratore.
In altra sentenza (9217/2016) e' stato licenziato il lavoratore che utilizzava per l' assistenza un numero di ore sensibilmente inferiore a quelle concesse con il permesso (cosa accertata tramite un investigatore privato).
La sentenza 8784/15 ha confermato il licenziamento di un lavoratore che andava al corso di ballo pur assistendo il disabile, a suo dire, nelle ore serali.
In definitiva quindi:
- Utilizzare i permessi per attivita' che siano direttamente collegabili ai bisogni del disabile.
- Utilizzare a questo scopo tutte le ore di permesso ottenute
Daniele Zamperini
 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.51 Secondi