Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 17 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
La sincope da embolia polmonare
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Uno studio osservazionale italiano suggerisce che l'embolia polmonare potrebbe essere una causa di sincope più frequente di quanto si ritenga comunemente, almeno in alcune tipologie particolari di pazienti.


La sincope riconosce vari momenti etiologici, alcuni potenzilamente fatali come per esempio gravi aritmie cardiache [1]. 

Generalmente il paziente colpito da sincope viene studiato per riconoscere una causa neurologica o cardiaca, tuttavia andrebbe preso in considerazione anche l'embolismo polmonare [2,3].

Si ritiene che esso sia una causa rara di sincope, ma uno studio osservazionale trasversale suggerisce che forse le sincopi dovute ad embolia polmonare sono più frequenti di quanto non si creda [4].

Si tratta di uno studio italiano che ha arruolato 560 soggetti (età media 76 anni) ricoverati per un episodio sincopale.
Sono stati esclusi dallo studio soggetti che, nonostante la sincope, non venivano ricoverati (per esempio perchè si riteneva che l'episodio fosse legato ad una causa benigna) e soggetti che avevano avuto altri epidosi di sincope. Inoltre sono stati esclusi dallo studio le donne in gravidanza e i pazienti in trattamento anticoagulante.

I motivi per cui si procedeva al ricovero erano o la presenza di un trauma da caduta oppure la coesitenza di gravi condizioni cliniche, la mancanza di una spiegazione convincente che potesse spiegare la sincope e, infine, il sospetto di una sincope da causa cardiaca.

I partecipanti allo studio sono stati testati con il dosaggio del D-dimero; inoltre sono stati valutati con i criteri di Wells per determinare l'esistenza di fattori di rischio per embolia polmonare e, se era il caso, venivano eseguiti esami di imaging (angio-tc polmonare o ventilation-perfusion lung scan).

Gli esami di imaging hanno permesso di documentare che un'embolia polmonare era presente nel 17% dei soggetti esaminati. Fattori predittivi per la presenza di embolia polmonare erano un D-dimero elevato, uno score di Wells che evidenziava un rischio di embolia polmonare e, infine, la mancanza di una spiegazione ragionevole per l'episodio sincopale.

Che dire?

Lo studio è interessante e suggerisce che l'embolia polmonare è una causa abbastanza frequente di sincope, perlomeno nel sottogruppo di soggetti simili a quelli arruolati.
Va, tuttavia, notato che l'embolia polmonare veniva diagnosticata tramite tecniche di imaging e che lo studio non ha determinato quale sia l'importanza clinica di questo reperto strumentale su esiti a distanza.

In ogni caso riteniamo si possa concludere che il dosaggio del D-dimero e una valutazione clinica che prenda in considerazione i criteri di Wells per embolia polmonare sono di facile esecuzione e possono, quindi, essere adottati in tutti i pazienti con sincope o, perlomeno, in quelli con un primo episodio oppure in quelli nei quali non è evidente una causa della sincope.



Renato Rossi


Bibliografia


1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=73

2. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=3971

3. http://www.pillole.org/public/manuale/pdf.asp?print=article&pID=113

4.Prandoni P et al. for the PESIT Investigators. Prevalence of Pulmonary Embolism among Patients Hospitalized for Syncope. N Engl J Med 2016 Oct 20; 375:1524-1531.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.55 Secondi