Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 15 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Poco utile la profilassi delle TVP dopo artroscopia del ginocchio
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Due studi danesi suggeriscono che la tromboprofilassi potrebbe non ridurre il rischio tromboembolico venoso da Trombosi Venosa Profonda dopo interventi di artroscopia del ginocchio o dopo applicazione di apparecchi immobilizzanti per fratture o traumi del piede o della caviglia


Dopo interventi maggiori di chirurgia ortopedica è indicata la profilassi del tromboembolismo venoso
(TEV).

Tuttavia nella pratica clinica la tromboprofilassi viene prescritta anche dopo interventi di artroscopia del ginocchio o dopo applicazione di apparecchi immobilizzanti per fatture o traumi importanti al piede o alla caviglia.

Questo avviene anche se le linee guida, in generale, non consigliano, in questi casi, la trombofilassi [1].

I motivi per cui nella pratica si disattendono le indicazioni delle linee guida sono vari, ma in primis va ricordata la medicina difensiva.

Recentemente il New England Journal of Medicine ha pubblicato i risultati di due studi randomizzati e controlalti che hanno valutato l'efficacia della tromboprofilassi in pazienti che erano stati sottoposti ad artroscopia del ginocchio ed in soggetti cui era stato applicato un apparecchio immobilizzante ad una gamba.

Nel primo studio, denominato POT-KAST trial, sono stati reclutati 1543 pazienti sottoposti ad artroscopia del ginocchio e randomizzati ad essere trattati con una eparina a basso peso molecolare per otto giorni oppure a non tromboprofilassi. Il follow up è stato di 3 mesi. Un evento di tromboembolismo venoso sintomatico si ebbe rispettivamente in 5 e in 3 soggetti mentre una emorragia maggiore si ebbe in un paziente di entrambi i gruppi.

Nel secondo studio, denominato POT-CAST trial, sono stati reclutati 1519 a cui era stato applicato un apparecchio immobilizzate per almeno una settimana. Si trattava, nella maggior parte dei casi, di soggetti con frattura della caviglia o del metatarso.
Anche in questo caso la tromboprofilassi con eparina a basso peso molecolare non ha ridotto il rischio di tromboembolismo venoso sintomatico (rispettivamente 10 e 13 pazienti). In nessun gruppo si ebbe una evento emorragico maggiore.


Che dire?

I due studi suggeriscono che la tromboprofilassi dopo interventi di artroscopia o dopo applicazione di apparecchio immobilizzante per fratture o lesioni della caviglia o del piede non riduce il rischio di TEV sintomatico che, peraltro, in questi specifici pazienti, appare molto basso anche senza intervento farmacologico.

Tuttavia gli stessi autori concludono che la tromboprofilassi potrebbe essere utile in un gruppo specifico di soggetti ad elevato rischio tromboembolico.

Questo potrebbe aversi in soggetti con pre-esistenti condizioni cliniche (per esempio neoplasia, scompenso cardiaco, pregresso evento tromboembolico, etc.) oppure in soggetti con fratture scomposte multiple.

Questi risultati avranno una applicazione nella pratica clinica? Difficile dirlo sia perchè non è sempre facile identificare tutti i pazienti ad elevato rischio trombotico, sia perchè il medico teme, e non a torto, eventuali rivalse di tipo medico-legale. 



Renato Rossi


Bibliografia

1. Falck-Ytter Y et al. Prevention of VTE in Orthopedic Surgery Patients : Antithrombotic Therapy and Prevention of Thrombosis, 9th ed: American College of Chest Physicians Evidence-Based Clinical Practice Guidelines. Chest, Vol 14 Issue 2, Supplement, February 2012, Pages e278S–e325S.

2. van Adrichem RA et al. Thromboprophylaxis after knee arthroscopy and lower-leg casting. N Engl J Med. Pubblicato online il 3 dicembre 2016.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.49 Secondi