Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 17 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Morte al P.S.: l' infermiere rifiuta di salire sull'ambulanza
Pubblicato da dzamperini in data
Normative di interesse sanitario


Si e' purtroppo ripetuto recentemente a Napoli un episodio che ogni tanto riaffiora nelle croniche: l' operatore sanitario (spesso il medico, ma in questo caso l' infermiere) viene meno ai suoi doveri assistenziali adducendo motivazioni burocratiche. 
Ne abbiamo gia' parlato anche su questa testata allorche' un medico vicino alla fine del turno rifiutava il servizio. (Cass. Pen., VI Sez., n. 27913 del 26 giugno 2013). 
http://www.scienzaeprofessione.it/public/nuke/modules.php?name=News&file=article&sid=955


  Si e' purtroppo ripetuto recentemente a Napoli un episodio che ogni tanto riaffiora nelle croniche: l' operatore sanitario (spesso il medico, ma in questo caso l' infermiere) viene meno ai suoi doveri assistenziali adducendo motivazioni burocratiche.

Ne abbiamo parlato anche su questa testata allorche' un medico vicino alla fine del turno rifiutava il servizio. (Cass. Pen., VI Sez., n. 27913 del 26 giugno 2013).
http://www.scienzaeprofessione.it/public/nuke/modules.php?name=News&file=article&sid=955

Nel caso odierno un giovane di 23 anni, in condizioni critiche per lesioni multiple da incidente stradale, e' morto  in sala rianimazione dopo una via crucis durata diverse ore in attesa di trasferimento  in ospedale attrezzato.
Da quanto riportato sui giornali, il trasferimento era stato ritardato di diverse ore per il rifiuto del personale paramendico di salire sull' ambulanza.
Lo stesso primario del pronto soccorso ha presentato rapporto alla Direzione Sanitaria parlando di «comportamenti di irresponsabilità nei confronti del paziente», chiedendo anche «ove mai si dovesse ravvisare una condotta omissiva e pericolosa, di intervenire per attivare eventuali sanzioni e se presenti omissioni perseguibili legalmente di denunciarle alle autorità competenti». 
Il giovane aveva bisogno di indagini approfondite (e urgenti) da effettuarsi in altro Ospedale per individuare l' emorragia interna che lo stava dissanguando. Ma gli infermieri non trovano l'accordo tra chi debba accompagnare il ragazzo e rifiutano di accompagnarlo.
«All'1,45 scrive il primario in una nota indirizzata alla direzione sanitaria sono venuto a conoscenza del fatto che il paziente era in attesa da circa due ore di essere trasferito al Pellegrini per l'angiotac. Ma non vi era accordo su quale infermiere dovesse accompagnare il paziente».
Alla fine un infermiere viene inviato d' auorita' ad accompagnare il paziente che pero', dopo alcune ore, viene a mancare.

Commento:
Si tratta ovviamente di una vicenda gravissima, che evidenzia come la tutela della vita delle persone venga messa in secondo piano rispetto a mere beghe burocratiche sul rispetto dei turni, degli orari, con disprezzo e indisponibilita' proprio di coloro che avrebbero come compito primario quello di salvaguardare i pazienti.
Come abbiamo detto, non sono casi rarissimi e nel passato hanno coinvolto operatori sanitari di diverse categorie: ricordo quando in una provincia del Centro i medici della Continuita' Assistenziale avevano portato avanti come rivendicazione "sindacale" (per fortuna immediatamente rientrata) il rifiuto di accompagnare i malati in ambulanza, anche nei casi in cui cio' fosse necessario. 

Ma cosa rischiano questi "operatori" napoletani e i loro emuli (che speriamo di non trovare mai sulla nostra strada)?
- Se venisse accertato che il decesso e' stato causato dal ritardo del trasferimento potrebbe essere riconosciuto l' omicidio colposo.
- Qualora si verificasse che il decesso si sarebbe ugualmente verificato, potrebbe essere comunque invocato il rifiuto di atti d' ufficio
- Data la gravita' dei fatti sono ipotizzabili con elevata probabilita' delle pesanti sanzioni disciplinari che possono arrivare al licenziamento

In ogni caso, per banali questioni di puntiglio, diverse persone avranno probabilmente la vita rovinata.

La regola, come abbiamo sostenuto piu' volte, e' sempre la stessa: La protezione del paziente e' prioritaria di fronte a tutto. Ogni altra considerazione deve passare in secondo piano. Sull' ambulanza (e' capitato anche al sottoscritto) si DEVE salire anche se viene la tentazione di addurre scuse per evitare.

Sul caso specifico sara' la magistratura a fare luce.

 Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.48 Secondi