Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 17 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
FIbrillazione atriale: nuovo score per stimare il rischio di eventi
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Un nuovo modello per la stratificazione del rischio nella fibrillazione atriale: il TIMI-AF risk score 


Spesso, nei pazienti con fibrillazione atriale, la scelta tra iniziare la terapia anticoagulante con un antagonista della vitamina K (VKA) o con uno dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) può risultare problematica. Per sviluppare un modello in grado di stratificare il rischio in modo da individuare i pazienti per i quali sia prevedibile un vantaggio terapeutico dei NAO rispetto ai VKA, è stata effettuata una sottoanalisi dello studio ENGAGE AF TIMI 48 (Effective Anticoagulation With Factor Xa Next Generation in Atrial Fibrillation–Thrombolysis in Myocardial Infarction 48), trial che ha randomizzato più di 21.000 pazienti fibrillanti, non in terapia anticoagulante, al trattamento con edoxaban o warfarin [1]. 

Tutti i pazienti avevano un CHADS2 score di almeno 2, quindi erano a significativo rischio tromboembolico. Mediante il modello di rischio proporzionale di Cox sono stati identificati 11 fattori, demografici, clinici e strumentali, correlati significativamente e indipendentemente ad un outcome composto da ictus invalidante, emorragia minacciosa per la vita e mortalità per tutte le cause. 
A queste variabili (età, razza, sesso, frazione di eiezione, presenza attuale di fibrillazione atriale o flutter, precedente stroke ischemico, aterosclerosi carotidea, pregresso infarto miocardico, diabete, emoglobina inferiore a 13 g/dl, creatinina maggiore o uguale a 1,25 mg/dl) sono stati attribuiti punteggi, pesati in funzione del rischio. 

Si è realizzato uno score, il TIMI-AF risk, correlato al 69% dell’outcome composito, utilizzato per stratificare i pazienti in tre classi di rischio: basso (score 0-6, correlato ad un rischio dell’evento composito del 4% per anno), intermedio (score 7-9, rischio del 10% per anno) ed alto (score maggiore o uguale a 10%, rischio del 21% per anno). Un’ulteriore analisi ha evidenziato che il beneficio terapeutico di edoxaban rispetto al warfarin era presente soprattutto nei pazienti con TIMI-AF risk score di grado intermedio ed elevato mentre non vi era differenza nei pazienti a basso rischio [2].

In pratica, nonostante l’apprezzabile tentativo degli autori di realizzare uno score in grado di predire il rischio di un importante outcome composito, la bassa concordanza del modello pone un forte limite al suo utilizzo nella pratica quotidiana.

A cura di Giampaolo Collecchia

Riferimenti bibliografici

1. Giugliano RP et al for the ENGAGE AF-TIMI 48 Investigators. Edoxaban versus Warfarin in Patients with Atrial Fibrillation. N Engl J Med 2013; 369:2093-2104November 28, 2013DOI: 10.1056/NEJMoa1310907


2. Fanola CL et al. A novel risk prediction score in atrial fibrillation for a net clinical outcome from the ENGAGE AF-TIMI 48 randomized clinical trial. Eur Heart J. 2017 Jan 06. PMID: 28064150.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.57 Secondi