Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 11 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Gli indici di flogosi
Pubblicato da dzamperini in data 08/02/2018 00:00
Medicina Clinica



 Un breve excursus sull'uso clinico degli indici di flogosi.


Gli indici di flogosi comunemente usati sono la VES, la proteina C reattiva (PCR), la viscosità plasmatica, il fibrinogeno e la ferritina.

vengono prescritti per le seguenti ragioni:

1) come esami specifici per identificare una patologia particolare oppure per monitorare l'efficacia di una terapia

2) come esami non specifici per escludere una patologia grave.

Vi sono essenzialmente tre patologie in cui gli indici di flogosi aumentano: le malattie infettive, le malattie infiammatorie ed autoimmuni, le malattie neoplastiche (soprattutto ematologiche ma non solo).

La VES può essere influenzata dall'età e dal sesso, dalla presenza di anemia o policitemia oppure da un ritardo tra il prelievo e la sua determinazione, per cui attualmente si preferisce determinare la viscosità plasmatica su cui questi fattori non interagiscon.

L'utilità maggiore della misurazione di VES, viscosità plasmatica e PCR si ha nella diagnosi di polimialgia reumatica ed arterite di Horton. In questi casi una negatività degli indici di flogosi è molto rara per cui questi test hanno un elevato valore predittivo negativo. In altre parole ritrovare VES, viscosità ematica e PCR normali esclude con quasi certezza una polimialgia reumatica o una arterite di Horton.
Altra condizione in cui quasi sempre vi è un aumento degli indici di flogosi è il mieloma: anche in questo caso ritrovare indici di flogosi normali permette di escluderlo con ragionevole certezza.

Gli indici di flogosi possono ovviamente essere elevati in molte altre condizioni patologiche (malattie infettive, neoplastiche, autoimmuni, etc.), tuttavia in questi casi sensibilità e specificità non sono così dirimenti da poter confermare o escludere una determinata malattia.

Gli indici infiammatori vengono talora usati per differenziare patologie minori da malattie gravi, ma anche in questo caso va detto che sensibilità e specificità dei test non permettono di confermare o escludere un determinato sospetto. Pertanto questi esami debbono essere usati come complemento di una valutazione clinica globale.

Talora la PCR viene usata per decidere se somministrare o meno un antibiotico nel paziente con malattia febbrile perchè si ritiene che questo test aumenti soprattutto nelle infezioni batteriche.
In realtà anche questa affermazione va intesa con cautela: di fronte ad un paziente febbrile ritrovare una PCR normale permette di affermare che un'infezione batterica è meno probabile del 30% circa ma non permette di escluderla in assoluto.
In altre parole: in un paziente febbrile una PCR elevata giustifica l'uso degli antibiotici, una PCR normale rende meno verosimile una origine batterica ma non la esclude con certezza.

Altre volte gli indici di flogosi vengono usati in modo aspecifico per determinare se il paziente sia o meno affetto da una patologia sistemica. In realtà, in questi casi, i test si rivelano poco utili e possono portare ad imbattersi in "incidentalomi" di difficile interpretazione. Pertanto si dovrebbe usare questi test solo in aggiunta all'anamnesi, all'esame obiettivo e ad altri accertamenti laboratoristici e/o strumentali mirati di cui costituiscono un completamento.

Infine va considerato il caso in cui gli indici di flogosi vengono richiesti come parte di una batteria di esami senza che vi sia una specifica ragione clinica. 
In questi casi, se si riscontrano test alterati e se il paziente è asintomatico, conviene attendere qualche tempo e ricontrollarli in quanto spesso si tratta di alterazioni transitorie. Va considerato che in una elevata percentuale di casi le alterazioni possono permare per anni senza che il paziente sviluppi patologie importanti.
Questo porta a consigliare di non richiedere gli indici di flogosi al di fuori di una motivazione clinica.
Un caso a sè riguarda i soggetti che, anche se asintomatici, mostrano indici di flogosi molto elevati (per esempio VES > 100 mm/h). Se i test persistono elevati ad un successivo controllo è assai probabile la presenza di una importante patologia sottostante anche se il soggetto rimane asintomatico o paucisintomatico. Anamnesi, esame clinico ed indagini ad hoc generalmente permettono la diagnosi. Il sospetto deve indirizzarsi verso infezioni, malattie infiammatorie, neoplasie.



Renato Rossi 

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.52 Secondi