Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 42 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Ossigenoterapia nell' infarto: spesso inutile
Pubblicato da dzamperini in data 20/05/2018 00:00
Medicina Clinica


 Lo studio DETOX2-AMI dimostra che nei pazienti con infarto miocardico senza ipossiemia la somministrazione di ossigeno non riduce mortalità e riospedalizzazioni per infarto.


 Per decenni è stata una prassi consolidata la somministrazione di ossigeno ai pazienti con infarto miocardico anche in assenza di ipossiemia.

In realtà l'efficacia di questa misura terapeutica non è ben stabilita e si basa più su ragionamenti di tipo fisiopatologico che su evidenze scientifiche.

Per chiarire la questione è stato effettuato uno studio clinico randomizzato e controllato, denominato DETOX2-AMI (Determination of the Role of Oxygen in Suspected Acute Myocardial Infarction),in cui sono stati arruolati pazienti con sospetto infarto miocardico e saturazione di ossigeno >/= 90%.

I partecipanti, dopo randomizzazione, sono stati sottoposti ad ossigeno (6 litri al minuto per 6-12 ore somministrato tramite maschera facciale aperta) oppure ad aria ambiente.

In totale sono stati arruolati 6629 pazienti. La durata media dell'ossigenoterapia è stata di poco più di 11 ore.

L'endoint primario era rappresentato dal decesso da tutte le cause un anno dopo la randomizzazione. 
Si è visto che tale endpoint si era verificato nel 5% del gruppo trattato con ossigeno e nel 5,1% del gruppo aria ambiente (differenza non statisticamente significativa).

Anche la riospedalizzazione per infarto entro un anno non differiva tra i due gruppi, rispettivamente 3,8% e 3,3%.

Questi risultati non variavano tra i vari sottogruppi di pazienti esaminati.

Il trial sembra quindi destinato a porre fine ad una prassi diffusa in quanto la somministrazione di ossigeno a pazienti con infarto miocardico non migliora la mortalità e non riduce le riospedalizzazioni per reinfarto.

Vi è da dire che già evidenze precedenti avevano messo in dubbio l'utilità dell'ossigenoterapia nei pazienti infartuati non ipossiemici. 
Per esempio una revisione Cochrane aveva concluso che non ci sono evidenze a favore dell'uso dell'ossigeno nell'infarto miocardico [2]. 
Lo studio AVOID presentato nel 2014 al congresso annuale dell'American Heart Assocation di Chicago aveva evidenzato che nei pazienti infartuati non ipossiemici sottoposti a trattamento con ossigeno potevano aversi outcomes peggiori [3].

Un editoriale di accompagnamento allo studio DETOX2-AMI [4] conclude che le implicazioni pratiche del trial sono indiscutibili: è tempo che la pratica clinica, di fronte a queste evidenze, cambi. 

Ovviamente è importante, nel paziente infartuato, monitorare i valori di ossigeno nel sangue e intervenire qualora, nel decorso clinico, dovesse verificarsi una ipossiemia.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Hofmann R et al. Oxygen Therapy in Suspected Acute Myocardial Infarction. N Engl J Med. 
Pubblicato online il 28 agosto 2017.

2. Cabello JB et al. Oxygen therapy for acute myocardial infarction. Cochrane Database Syst Rev 2013; 8:CD007160. 

3. Stub D et al. A randomised controlled trial of oxygen therapy in acute ST-segment elevation myocardial infarction: The Air Versus Oxygen in Myocardial Infarction (AVOID) study. American Heart Association. Congresso annuale. Chicago 19 novembre 2014. 

4. Loscalzo J. Is oxygen therapy beneficial in acute myocardial infarction? Simple question, complicated mechanism, simple answer. N Engl J Med. Pubblicato online il 24 agosto 2017.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.56 Secondi