Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 17 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Coronavirus: interpretare i dati epidemiologici
Pubblicato da dzamperini in data 20/08/2020 00:00
Medicina Clinica


 Poche chiare conoscenze sono sufficienti: eccole 


In questi giorni la stampa ha dato ampio risalto alle entusiastiche dichiarazioni di un importante esponente politico lombardo che manifestava la propria soddisfazione per l'andamento della epidemia in quanto grazie ad un indice R0=0,5 si potevano allentare considerevolmente le restrizioni visto che, a suo dire, sarebbero necessarie “ben due persone portatrici di virus per infettare una persona sana …”.
Nel contempo il professor Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe ( Medicina basata sulle Evidenze), grande esperto di analisi dei dati, dichiarava di aver riscontrato gravi errori metodologici nei dati pubblicati dalla regione Lombardia…
La successione di queste due notizie non può che creare preoccupazione ed incertezza alle quali possiamo reagire allontanandoci dal paludoso terreno della retorica e della dialettica e dirigendoci verso le vette della logica e della matematica: è quello che vogliamo proporre in maniera semplice ma rigorosa ai nostri lettori.

Come si delinea un IDENTIKIT di una EPIDEMIA

L’indice R0 sta vivendo un momento di gloria: ne parlano con dimestichezza giornalisti, presentatori televisivi e soprattutto uomini politici,vaticinando i più vari destini e talora pronunciando perentorie sentenze.
 Noi da semplici medici di famiglia ci sentivamo impreparati ed abbiamo doverosamente consultato un prestigioso trattato (1) ed uno splendido semplice manuale(2), che ci hanno finalmente chiarito le idee.

Ecco cosa abbiamo trovato:
 Cosa è l’indice R0: è il Tasso di Riproduzione di Base, ovvero il numero medio di soggetti che un individuo infetto contagia nel corso della sua malattia; 
R0 è un parametro importante, ma non è da solo sufficiente a descrivere le caratteristiche epidemiologiche di una nuova malattia. Inoltre, se usato impropriamente o con grossolane semplificazioni, può portare a conclusioni fuorvianti e pericolose. 


I parametri che descrivono una epidemia sono:
 Beta = probabilità di trasmissione per ogni singolo contatto 
C = numero di contatti nella unità di tempo 
D= durata della contagiosità del soggetto infetto, ed infine, come risultante di questi tre fattori:
R0 =ovvero tasso di riproduzione di base.


Il tasso “R0” è molto usato in epidemiologia per la sua praticità: se R0 è superiore ad uno(R0>1), la malattia avrà andamento epidemico, se oscilla intorno al valore di 1 la malattia diverrà endemica, se è costantemente inferiore ad uno(R0<1) la epidemia andrà via via esaurendosi.
Nel caso del Coronavirus gli studi effettuati sulla epidemia cinese(3) ed un interessante studio effettuato nella nave di crociera Diamond Princess(4) dimostrano che il tasso “R0” varia tra un valore di 1,4 nelle situazioni più favorevoli ed il 4 circa nelle situazioni meno favorevoli ( solo a titolo indicativo ricordiamo che il tasso di riproduzione di base del morbillo oscilla tra il 16 ed il 18 !!!).
Ma non è tutto:vi è un altro importante parametro, del tutto ignorato dai media: il Tasso “Re”, di riproduzione effettiva, ovvero la probabilità reale di trasmissione da persona a persona in quel determinato contesto. 
Re” è influenzato dalla percentuale di soggetti suscettibili, che può variare molto ed è correlata alla immunità innata (anche nelle più spaventose epidemie una minoranza di soggetti non si ammala) alla immunità acquisita (soggetti guariti o vaccinati)ed alle misure di prevenzione (igiene, distanziamento, dispositivi di protezione).
Per comprendere meglio la sostanziale differenza tra “R0” ed “Re” è sufficiente ricordare il differente decorso della epidemia tra Lombardia e Veneto.
 L’epidemia infatti iniziò contemporaneamente nelle due regioni;il R0 del virus era il medesimo, la percentuale di persone suscettibili verosimilmente la stessa, immunità acquisita assente in ambedue all’inizio data la “novità” del virus.
 Il tasso di riproduzione effettiva “Re” si è dimostrato tuttavia radicalmente diverso, per la gestione completamente diversa dei casi e dei potenziali portatori: il Veneto ha circa un ottavo dei casi della Lombardia. 
Lasciamo ai lettori il non facile esercizio di scoprire fattori, decisioni e decisori che hanno condannato La Lombardia e salvato il Veneto.
 Il tasso “R0” e è molto importante anche per valutare l'efficacia dei vaccini. Le valutazioni sul vaccino del coronavirus sono ancora premature, ma l'esperienza acquisita con altre malattie infettive ci consente alcune approssimazioni.


La formula che consente di stimare la copertura vaccinale necessaria ad interrompere la epidemia è molto semplice: 1 –( 1/R0)
 Per il morbillo, calcolando una R0 di 16 è necessaria una copertura vaccinale superiore al 90% !
Per il coronavirus, nella ipotesi più sfavorevole di un “R0” di 4 sarebbe sufficiente una copertura vaccinale del 75%, che si abbasserebbe al 60% nel caso di un R0=2,5 


La epidemiologia è semplice, appassionante, quanto mai utile: dovrebbe ormai essere una materia costante nella formazione non solo dei medici ma anche dei giornalisti e dei politici.


 Riccardo De Gobbi e Giampaolo Collecchia



Bibliografia


1) James Jekel,David Katz,Joann Elmore : Epidemiologia, biostatistica e medicina preventiva Elsevier Edit. Milano 2009

2) Pierluigi Lopalco, Alberto Eugenio Tozzi: Epidemiologia Facile Il Pensiero Scientifico Ed. Roma 2005

3) Wu JT, Leung K, Leung GM. Nowcasting and forecasting the potential domestic and international spread of the 2019- nCoV outbreak originating in Wuhan, China: a modelling study. The Lancet. 2020. 


4) Zhang S, Diao M, Yu W, Pei L, Lin Z, Chen D. Estimation of the reproductive number of novel coronavirus (COVID-19) and the probable outbreak size on the Diamond Princess cruise ship: A data-driven analysis. International Journal of Infectious Diseases. 2020 2020/04/01/;93:201-4.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.56 Secondi