Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 16 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Efficacia dei vaccini sulla variante indiana
Pubblicato da dzamperini in data 07/09/2021 00:00
Medicina Clinica


Due studi suggeriscono che i vaccini attualmente disponibili offrono un'elevata protezione contro le ospedalizzazioni da variante indiana, soprattutto dopo la seconda dose.



La variante indiana, ora denominata "Delta", sta preoccupando. Infatti è più contagiosa delle altre varianti, anche se non sembra più aggressiva.

Secondo l'ultima stima disponibile resa nota dall'ISS in Italia la variante Delta avrebbe una prevalenza di poco superiore al 16%, mentre il resto sarebbe rappresentato dalla variane inglese (Alfa). Nel corso delle prossime settimane, però, la variante Delta potrebbe diventare quella prevalente anche in Italia.

Ma i vaccini attualmente disponibili sono efficaci contro essa?
Uno studio inglese pubblicato su Cell [1] suggerisce che lo sono. La maggior protezione si ha ovviamente con la vaccinazione completa, mentre una sola dose comporterebbe una protezione solo parziale.
Secondo lo studio il siero di soggetti vaccinati con due dosi sia con il vaccino AstraZeneca che con quello Pfizer-BionTech possiede anticorpi sia contro la variante Delta (B.1.617) che contro la variante Kappa (B.1.617.1).
Tuttavia gli autori sottolineano che la concentrazione degli anticorpi non sembra ottimale, il che può portare a una maggior diffusione del virus mutato.

Un altro studio [2], pubblicato per ora solo in pre-print e non sottoposto a peer-review conferma questi dati. Analizzando tutti i ricoveri avvenuti in Inghilterra dopo ricorso al Pronto Soccorso tra il 12 aprile e il 4 giugno 2021 gli Autori hanno ritrovato poco più di 14000 casi positivi alla variante Delta, di cui 166 ricoverati. La protezione offerta dal vaccino contro le ospedalizzazioni era molto elevata. In particolare per il vaccino Pfizer-BionTech era del 94% dopo la prima dose e del 96% dopo la seconda dose, per il vaccino AstraZeneca era del 71% dopo la prima dose e del 92% dopo la seconda.
E' stata valutata l'efficacia dei due vaccini contro le ospedalizzazioni anche per la variante Alfa. Per il vaccino Pfizer era dell'83% dopo la prima dose e del 95% dopo la seconda. Per il vaccino AstraZeneca era del 76% dopo la prima dose e dell'86% dopo la seconda.

Presi nel loro insieme questi dati suggeriscono che i vaccini disponibili offrono un elevato livello di protezione anche contro la temuta variante indiana. Tuttavia la protezione massima si ha dopo due dosi per cui è importante continuare a procedere con la massima velocità possibile a vaccinare la popolazione. Infatti anche se la variante Delta non sembra più aggressiva comporta comunque una maggiore contagiosità e un aumento dei positivi. Il che si traduce, inevitabilmente, anche in un aumento dei ricoveri e dei casi gravi. Senza contare che una maggior circolazione del virus porta al rischio di comparsa di nuove varianti.


Renato Rossi


Bibliografia

1. Chang Liu et al. Reduced neutralization of SARS-CoV-2 B.1.617 by vaccine and convalescent serum. Cell. Pubblicato online il 17 giugno 2021

2. Stowe J et al. Effectiveness of COVID-19 vaccines against hospital admission with the Delta (B.1.617.2) variant. PHE Publishing, 14 giugno 2021. Public Library.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.59 Secondi