Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 23 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Danni causati da animali selvatici: recenti dalla Cassazione
Pubblicato da dzamperini in data 22/10/2021 00:00
Normative di interesse sanitario



Il problema dei danni provocati dagli animali selvatici si e' acuito da quando hanno iniziato a girare il filmati amatoriali che riprendono famigliole di cinghiali a spasso per le vie di Roma.  Ci si chiede: ma se questi animali causano danni a cose o, peggio, alle persone, chi ne e' responsabile? 
Una risposta ci viene dalla Cassazione che, correggendo in parte i precedenti indirizzi ha chiarito che la responsabilita' primaria e' della Regione che poi puo' rivalersi sugli enti territoriali locali (C.Cass n. 7969 del 20 aprile 2020)


Per il risarcimento del danno cagionato da animali selvatici a norma dell'art. 2052 cc la legittimazione passiva spetta in via esclusiva alla Regione, in quanto titolare della competenza normativa in materia di patrimonio faunistico, nonché delle funzioni amministrative di programmazione, di coordinamento e di controllo delle attività di tutela e gestione della fauna selvatica, anche se queste attivita' sono svolte (per delega o per norme di autonomia) da altri enti. Nei confronti di questi enti che avrebbe dovuto essere compreso le idonee misure di prevenzione, Regione puo rivalersi. 


 Il caso: 
Un automobilista chiamava in giudizio la Regione Abruzzo per i danni alla propria vettura per collisione con un cinghiale avvenuta su una strada pubblica.

I giudici di merito accoglievano la richiesta.

La Regione presentava ricorso contro il fatto di essere stata individuata come soggetto passivo, tenuto al risarcimento dei danni.

Un inciso: fino agli anni '70 gli animali selvatici erano considerati “res nullius” per cui i danni da essi causa non erano, in pratica, risarcibili.
Prima con la L. 27 dicembre 1977, n. 968 poi successivamente con l' approvazione di nuove leggi, la fauna selvatica (tranne qualche eccezione ( topi, ratti ecc) dichiarata patrimonio dello Stato.

Alle Regioni attribuito il potere e l'obbligo di emanare norme di controllo e disciplina della fauna; alcune competenze sono delegate alle Provincia.


Il problema che si poneva era quello dell' onere della prova, in quanto vigeva la regola che il danno cagionato dalla fauna selvatica non sarebbe risarcibile in base alla presunzione stabilita nell'art. 2052 cc, perché inapplicabile verso la selvaggina, il cui stato di libertà è incompatibile con un qualsiasi obbligo di custodia da parte della pubblica amministrazione, ma soltanto alla stregua dei principi generali della responsabilità extracontrattuale di cui all'art. 2043 cc, che riversa l'onere della prova sul danneggiato.
 
La sentenza qui riportato ha invece spostato il problema in quanto andrebbe applicato anche agli animali selvatici il criterio applicato verso gli animali domestici in quanto animali suscettibili di proprietà o di utilizzazione da parte dell'uomo essendo un criterio di imputazione fondato non sulla custodia, ma sulla stessa proprietà dell'animale e o comunque sulla sua utilizzazione da parte dell'uomo per trarne utilità, con l'unica salvezza del caso fortuito.

Per la Cassazione, pertanto, l'esenzione degli enti pubblici dal regime di responsabilità oggettiva finirebbe per risolversi in un ingiustificato privilegio della pubblica amministrazione, poiché il cittadino danneggiato si troverebbe a dover provare non solo l'evento dannoso ed il nesso di causalità ma anche la colpa dell'ente preposto alla gestione della fauna selvatica.

La Corte e' partita dall'applicabilità della disposizione di cui all'art. 2052 cc anche agli animali selvatici, nella parte in cui "attribuisce la responsabilità per i danni causa dagli animali al soggetto che se ne serve” e chiarisce che colui che si serve dell'animale selvatico è la Regione, dal momento che è la Regione l 'ente territoriale cui spetta, in materia, non solo la funzione normativa, ma anche le funzioni amministrative di programmazione, coordinamento, controllo delle attività eventualmente svolte per delega da altri enti; ivi inclusi i poteri sostitutivi per il caso di omissioni da parte del delegato .

Pertanto, il privato dovrà (dimostrando la dinamica del sinistro e il nesso causale con il comportamento dell' animale) in giudizio la Regione, al fine di ottenere il risarcimento per i danni cagionati da fauna selvatica. Laddove, poi, il danno si assuma essere stato causato dalla condotta negligente di un ente delegato (ad esempio la Provincia) la stessa Regione potrà rivalersi nei confronti di detto ente e, naturalmente, qualora lo ritenga opportuno, potrà chiamarlo in causa nello stesso giudizio avanzato nei suoi confronti dal privato danneggiato, onde esercitare la rivalsa.

Quindi il povero che si scontra con un cinghiale dovra': 
- Dimostrare l'incidente e il tipo di animale, con foto o testimonianze. Un amico di chi scrive ha avuto la peggio: la sua auto e' rimasta bloccata dall'incidente mentre il cinghiale, apparentemente illeso, se ne e' scappato. 
- Dimostrare anche con rilievi tecnici di non aver investito volontariamente l'animale.
- Citare la Regione e magari pure il Comune

Daniele Zamperini
 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.58 Secondi