Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 30 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
La DIAGNOSI nella Tradizione Clinica e nella Medicina Digitale
Pubblicato da dzamperini in data 13/11/2021 00:00
Pensieri e opinioni professionali



La diagnosi nella medicina clinica è un processo prevalentemente razionale che è supportato da modalità cognitiva sottocorticali (1) ed è anche influenzato dalla nostra componente emozionale e motivazionale(2).
Il metodo diagnostico storico, con il quale Ippocrate fondò la medicina, tuttora applicato in tutto il mondo occidentale, è il metodo ipotetico-deduttivo.


Si formula una ipotesi sulla base di alcuni indizi, si cercano dati che confermino o smentiscano la ipotesi: si accetta l'ipotesi se i dati sono solidi, altrimenti la si respinge e si formula una ipotesi alternativa per la quale si ripete il procedimento già messo in atto. Il metodo ipotetico-deduttivo è un metodo accurato e generalmente affidabile, ma a volte molto lento.
Nella moderna pratica medica, lavorando su grandi numeri di pazienti da valutare in tempi relativamente brevi, si sono affermati metodologie veloci, che utilizzare il nostro “Sistema Kahneman.

Elenchiamo brevemente le principali “strategie veloci” rinviando alla letteratura specializzata per ulteriori approfondimenti (4-6):
Strategie di diagnosi rapida nella medicina clinica

Punto di diagnosi
E' una diagnosi pressoché istantanea, legata a percezioni visive o auditive, suggerita da precedenti esperienze del medico:non richiede riflessioni e talora osservazioni anamnestica. (Esempi Acne, Orticaria, Pertosse)

Auto etichettatura
Il paziente si presenta al medico suggerendo una etichetta diagnostica legata a precedenti esperienze dello stesso paziente. La accettazione acritica della diagnosi del può portare ad errori anche gravi, ma è stato dimostrato che in alcune condizioni, quali la cistite acuta, la diagnosi è corretta nel 84% dei casi(4).

Presentare un reclamo
E' il sintomo lamentato dal paziente ( es. Cefalea, Raffreddore) che in parecchi casi coincidono con la diagnosi che il medico formulerà.

Trigger riconoscimento pattern
E' il riconoscimento del modello, che può avvenire con meccanismo tipo “spot”, ad esempio nell'Eczema o con la integrazione di dati clinici ed anamnestici, ad esempio nel m. di Basedow.
La diagnosi clinica veloce è particolarmente soggetta ad errare ma possiamo compensare e correggere i nostri limiti con le nostre facoltà meta-cognitive, ovvero la nostra capacità critica ed in particolare autocritica che può condurci ad una corretta diagnosi (7).

La Diagnosi dei sistemi di Intelligenza Artificiale
La diagnosi generalmente viene effettuata sulla base dei sintomi, dei segni clinici e degli accertamenti eseguiti (segni strumentali.)
Il sistema di intelligenza artificiale si avvale di intelligenza due tipi di approccio: presenta valuta le varie combinazioni possibili tra sintomi, segni e segni strumentali con il calcolo combinatorio, e stima la probabilità con la quale quella combinazione di segni e sintomi puòrsi con il calcolo combinatorio di cui l'individuo può essere affetto, tenendo presente la presenza di queste malattie. ma è molto improbabile in un eschimese che non si sia spostato dalla Groenlandia.)
Il sistema di intelligenza artificiale, grazie alla velocità di calcolo, integra facilmente i dati forniti dalla matematica combinatoria con quelli forniti dalle stime probabilistiche, ma un vero e proprio tallone di Achille è la introduzione dei dati: chi introduce i dati interpreta fedelmente il segno o il sintomo e lo traduce correttamente nel linguaggio medico?
Un semplice esempio dei due approcci radicalmente diversi: la stanchezza è un sintomo quanto mai frequentato ed aspecifico, presente in innumerevoli malattie: viene generalmente denominata “astenia” e, se non accompagna ad altri sintomi, è spesso una manifestazione somatica di un disturbo psichico .
I “Symptom Checkers” sono formidabili nel proporre innumerevoli ipotesi, anche molto originali tra le quali la IA sceglie con criteri probabilistici.
Il medico legato alla grande tradizione clinica invece, inviterà il paziente a parlare, e per qualche tempo lo osserverà attentamente: noterà che la muscolatura del volto dopo qualche tempo sembra distendersi e poi sembra affaticare; a volte le palpebre tendono ad abbassarsi: un flash compare nella mente del medico: una astenia muscolare, dunque: una miastenia.
La diagnosi è fatta in pochi minuti!! Ne verificheremo tuttavia la validità ricercando gli specifici contro i recettori dell'acetilcolina.
L'intuizione o, se preferite, il fiuto clinico, l'intelligenza artificiale al momento non li possiede: vi è chi cerca con tutti i mezzi di dotarne le macchine e chi invece cerca di migliorare le capacità degli uomini; noi siamo tra questi ultimi... e voi?


Riccardo De Gobbi e Giampaolo Collecchia


Bibliografia

1) Purves D, Brannon E, et Al.: Neuroscienze Cognitive Zanichelli Ed.Bologna, 2014 pgg 80-102
2) Kroskerry Pat: L'importanza degli errori cognitivi nella diagnosi e strategie per ridurli al minimo Academic Medicine 78; 8: 775 2003
3) Kahneman D: Pensieri lenti e veloci Mondadori Editore, Milano, 2012
4) C Heneghan C, Glasziou P, Thompson M. Strategie diagnostiche utilizzate nelle cure primarie BMJ 2009;338:b946
5) Norman G. Basandosi sull'esperienza: lo sviluppo del ragionamento clinico. N Engl J Med 2006;355:2251-2.
6) De Gobbi R, Di Marco L, Fassina R. Strategie diagnostiche in Medicina Generale.Società Italiana MedicinaGenerale 2011;6:3-8
7) ) Flavell, JH Speculazioni sulla natura e lo sviluppo della metacognizione. In F. Weinert & R. Kluwe (a cura di), Metacognizione, guida e comprensione (pp.21 - 29). Hillsdale, NJ: Lawrence Erlbaum, 1987


Per approfondire:
Collecchia G. De Gobbi R.: Intelligenza Artificiale e Medicina Digitale. Una guida critica. Il Pensiero Scientifico Ed. Roma 2020
http://pensiero.it/catalogo/libri/pubblico/intelligenza-artificiale-e-medicina-digitale

 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.65 Secondi