Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 22 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Errata manovra sul nascituro, ne rispondono tutti
Pubblicato da dzamperini in data 15/06/2022 00:00
Normative di interesse sanitario
 



In caso di errata manovra sul nascituro, ne rispondono sia l’ ostetrica (effettiva esecutrice della manovra) ma anche il ginecologo, in quanto responsabile della sala parto.
(Cass III Civ 29000/21)


I fatti: 
una neonata aveva riportato una lesione (frattura alla clavicola) a seguito di una errata manovra estrattiva. In seguito gli esiti della lesione si erano concretizzati in un danno permanente a carico dell’arto interessato.
La manovra estrattiva era stata effettuata, in concreto, dall’ osterica mentre il ginecologo presente rivestiva il ruolo di responsabile.
In primo grado venivano condannati il medico e la clinica, mentre in appello veniva condannata anche l’ ostetrica.
La donna, secondo il giudice, era infatti intervenuta attivamente nell’ errata manovra che aveva danneggiato la spalla della bambina, mentre il ginecologo era ritenuto responsabile sia per aver eseguito una manovra inutile, sia per non aver prestato adeguata assistenza terapeutica al momento della crisi. Si conclude quindi per la responsabilità solidale di entrambi i sanitari assieme alla struttura ospedaliera.

I sanitari ricorrevano in Cassazione.

La difesa dell'ostetrica contestava la condanna della donna ritenendo omessa e insufficiente la motivazione sull'accertamento del nesso causale tra il danno e la condotta della stessa, e inoltre non si riteneva provata l’ effettiva partecipazione fattiva dell'ostetrica al fatto lesivo.

 La Cassazione respingeva le argomentazioni sostenendo che il giudice avesse riscontrato un effettivo nesso causale tra l’ opera dell'ostetrica e il danno provocatole con una errata manovra estrattiva, forse inadatta alla situazione concreta, forse mal fatta, che comunque le ha provocato una invalidità permanente alla spalla e li ha ritenuti solidalmente responsabili.

In conclusione, "la Corte d'Appello ha ritenuto, con ragionamento in fatto motivato e non sindacabile in questa sede, che per disimpegnare la bambina al momento della nascita i soggetti presenti con un ruolo attivo in sala parto avrebbero potuto porre in essere varie condotte alternative e che la condotta tenuta e le manovre effettuate, in assenza di accertate complicazioni esulanti dalla condotta dei sanitari o dalla loro responsabilità, quali la grandezza del neonato o le sue condizioni di fragilità particolare, e in assenza di una causa esterna neppure allegata, è da reputare, sulla base della regola del più probabile che non, che le abbia provocato il danno permanente alla spalla".

Gli eredi del ginecologo ricorrevano ritenendo che il giudice d'appello sarebbe andato oltre la prospettazione della parte confermando la responsabilità del ginecologo per non essere intervenuto al momento opportuno con un intervento risolutivo e per non aver impartito opportune direttive all'ostetrica, trasformando così la responsabilità da commissiva in omissiva.

In realtà, sottolinea la Cassazione, i fatti restano gli stessi e la responsabilità addebitata al ginecologo è sempre la stessa: la nascita della bambina con una distocia di spalla dovuta a errata manovra di estrazione ricadeva sotto la sua responsabilità in quanto responsabile della sala parto.
"Il giudice di merito è libero di ricostruire la responsabilità del medico come frutto di una condotta omissiva o commissiva". In dettaglio erano stati valorizzati di più in primo grado il suo intervento diretto nella manovra errata mentre in secondo grado si valorizzava la sua incapacità di effettuare manove piu’ corrette nonché il fatto che non avessa impedito alla sua ostetrica di compiere la manovra errata.
Il tutto sempre sotto il presupposto che ciò accadeva in sala parto era sotto la responsabilità del ginecologo quale responsabile dell’ equipe.

Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.57 Secondi