Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
La sindrome da sensibilità chimica multipla
Pubblicato da dzamperini in data 10/11/2022 00:00
Medicina Clinica



Una breve sintesi su una strana patologia: la sindrome da sensibilità chimica multipla.


La sindrome da sensibilità chimica multipla (multiple chemical sensivity syndrome, MCS), detta anche intolleranza ambientale idiopatica, è una condizione cronica caratterizzata dalla comparsa di una varietà di sintomi dopo l’esposizione (o la ritenuta esposizione) a bassi livelli di sostanze chimiche generalmente sopportati da altre persone.1-5

Tra le sostanze più spesso implicate ricordiamo:
 petrolio e suoi derivati;
 gas di scarico delle auto;
 formaldeide;
 plastica;
 prodotti di pulizia per la casa;
 vernici;
 profumi;
 pesticidi;
 fumi industriali.

Non vi sono test o accertamenti che possano spiegare tali sintomi e, in realtà, vi è ampio dibattito se questa sindrome esista.

 Attualmente non vi sono criteri universalmente accettati di riferimento per la diagnosi.I sintomi compaiono dopo l’esposizione a un supposto agente chimico e regrediscono in seguito alla sua rimozione.

La sintomatologia è di tipo aspecifico e interessa sia il sistema nervoso che altri organi:
 astenia, malessere;
 senso di nausea, sudorazione;
 palpitazioni, tachicardia;
 vertigini, cefalea, disturbi della memoria;
 mialgie, artralgie; dispnea, iperventilazione;
 dolore addominale, diarrea;
 sintomi psichici (ansia, depressione).

Data l’estrema varietà dei sintomi denunciati, la frequente sovrapposizione con altre condizioni caratterizzate da sintomi clinicamente inspiegabili (sindrome da fatica cronica, fibromialgia, ecc.) e la mancanza di criteri diagnostici è comprensibile come l’esistenza stessa della sindrome sia stata messa in discussione.
La prevalenza della MCS è difficile da stimare a causa della mancanza di criteri standardizzati di diagnosi e dei differenti risultati dei vari studi.
La prevalenza su pazienti studiati dal punto di vista medico arriva fino al 6,5% e dipende ovviamente anche dal tipo di campione soggetto all’analisi. La prevalenza autoriferita va dal 9% all’11,2%.6

Teorie patogenetiche

Sono state elaborate numerose teorie sui meccanismi etiopatogenetici che potrebbero essere all’origine di questa strana entità:
1) alterazioni del sistema olfattivo
2) teorie psicologiche
3) teoria del condizionamento
4) teoria dell’infiammazione neurogena
5) alterazioni del sistema limbico e ipersensibilizzaione neuronale
6) stress ossidativo
7) ipotesi genetica.

Terapia

La terapia è sintomatica, talora vengono usati antidepressivi. 
Un panel di esperti ha elaborato un consenso al quale si rimanda [1] per i consigli di trattamento (mascherine, depuratori d'aria, rimozione dall'ambiente della sostanza sospetta, ecc.).

Renato Rossi

Bibliografia
1. Damiani G et al. Italian Expert Consensus on Clinical and Therapeutic Management of Multiple Chemical Sensitivity (MCS). Int J Environ Res Public Health. 2021 Oct 27;18(21):11294.

[N.d.r.: E’ evidente come la vaghezza delle teorie patogenetiche e dei sintomi comporti necessariamente l’ impossibilita’ di indirizzi diagnostici e terapeutici coerenti e universali. 
Il problema si pone pesantemente in ambito medico-legale, allorche’ il paziente richieda ed esempio il riconoscimento di una condizione di invalidita’  o di inabilita’ lavorativa. E’ inutile a questo punto raccomandare al medico una particolare prudenza e l’ attivazione delle metodiche medico-legali per l’ individuazione  delle possibili esagerazioni o simulazioni]. 
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.48 Secondi