Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Responsabilita' per incidente da crisi epilettica del conducente
Pubblicato da dzamperini in data 27/11/2022 00:00
Normative di interesse sanitario



Il conducente che, a conoscenza della malattia epilettica da cui e’ affetto, si pone alla guida e crea un incidente mortale, e’ responsabile penalmente. 
La responsabilità penale non è esclusa se il soggetto che si pone alla guida soffre di crisi epilettiche e ha già avuto attichi mentre era alla guida, anche se più lievi. Trattasi di un caso evidente di colpa cosciente.
(Cassazione n. 28435/2022) 


I fatti: 
Un automobilista, consapevole delle crisi epilettiche che lo affligevano, perdeva il controllo del mezzo uccidendo un pedone. Veniva ritenuto responsabile in primo e secondo grado per il reato di omicidio colposo. 

L’ automobilista ricorreva in Cassazione argomentando che lo stato epilettico non possa essere argomento valido per ritenerlo responsabile penalmente. Durante le visite periodiche a cui lo stesso è stato sottoposto proprio a causa della sua malattia e per la quale era seguito da un neurologo, nessuno dei componenti della Commissione medica ha mai ravvisato elementi che ne limitassero al capacità di guida.

Contestava anche  la mancata concessione delle attenuanti generiche, avendo integralmente risarcito il danno a favore delle parti lese.

La Cassazione rigettava il ricorso, facendo presente che "la Corte territoriale ha adeguatamente risposto alla censura già proposta in sede di gravame di merito in punto di configurabilità dell'elemento soggettivo del reato (colpa), muovendo dal presupposto che l'art. 115 C.d.S., richiede che chi guida debba essere idoneo, per requisiti fisici e psichici, al momento in cui si pone alla guida. Nella specie, è stato accertato che tali requisiti difettavano nel (...), anche alla luce della Direttiva Europea n. 112/09 invocata dalla difesa, sulla base della quale il (...) ricadeva nella categoria più grave per il rilascio delle patenti di guida, secondo cui un soggetto può essere autorizzato alla guida dopo un periodo, documentato e certificato da parte dello specialista neurologo, di un anno senza ulteriori crisi epilettiche."

Nel caso specifico era emerso che il soggetto soffriva di crisi epilettiche da oltre dieci anni, era sottoposto a cura farmacologica e , tuttavia la malattia resisteva ai farmaci. Lo specialista neurologo aveva affermato che il paziente soffriva di crisi annuali plurime e che precedentemente aveva avuto altre crisi proprio mentre era alla guida, anche se di entita’ leggera, per cui era riuscito a fermarsi senza creare incidenti. 

La Cassazione condivideva quindi le decisioni delle Corti di merito che avevano ritenuto "che l'imputato avesse piena cognizione che la patologia da cui era affetto comportasse episodi di perdita di coscienza e che lo rendesse inidoneo alla guida, escludendo che l'evento verificatosi fosse del tutto straordinario e imprevedibile per l'agente; configurando così, legittimamente, una ipotesi di colpa cosciente, trattandosi di soggetto consapevole della sua malattia, per cui egli avrebbe dovuto prevedere in concreto la possibilità di cagionare l'evento, e ciononostante agì con l'erroneo convincimento di poterlo evitare."

In occasioni precedenti era stato piu’ affermato che il malore improvviso esclude la colpa ma solo se è imprevedibile; in sostanza non è escludibile quando l’ interessato sa di essere affetto da una patologia che provoca (e gli ha già provocato) perdite di coscienza.
Veniva invece giudicato fondata la richiesta di attenuanti generiche perché il risarcimento intervenuto tempestivamente rientra tra gli elementi che il giudice deve valutare per riconoscere le attenuanti.

Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi