Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 39 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Certificato telefonico: condanna per medico e paziente
Pubblicato da dzamperini in data 01/06/2012 00:00
Normative di interesse sanitario Non e’ consentito al sanitario emettere un certificato (neppure di prolungamento malattia) senza previa visita del paziente in modo da verificarne le effettive condizioni. Commettono reato sia il medico che il paziente che se ne serve ( Cassazione V penale n. 18687/12 ).
Il medico come Superman?
Daniele Zamperini

Il medico aveva visitato la paziente 4 giorni prima stilando un primo certificato di malattia poi, informato telefonicamente del persistere dei disturbi, aveva prolungato ulteriormente il periodo di malattia senza controllare direttamente le condizioni della paziente.
Denunciati, il medico e la paziente venivano entrambi condannati, l’ uno (Pubblico Ufficiale) per aver stilato un certificato giuridicamente “falso” (art. 480 C.P.), la paziente per averlo consapevolmente utilizzato per propri fini (art. 489 C.P.).
 
Ricorrevano entrambi in Cassazione.
Il medico sosteneva la “non-falsita’ “ del certificato e la sua buona fede sostenendo di aver emesso il certificato sulla base di quanto rilevato in occasione della visita di 4 giorni prima, e di averlo poi prolungato in quanto i sintomi riferiti dalla paziente erano compatibili con quanto da lui diagnosticato precedentemente.
La Cassazione respingeva il ricorso del medico sottolineando che “ la falsa attestazione attribuita al medico non attiene tanto alle condizioni di salute della paziente, quanto piuttosto al fatto che egli ha emesso il certificato senza effettuare una previa visita e senza alcuna verifica oggettiva delle sue condizioni di salute, non essendo consentito al sanitario effettuare valutazioni e prescrizioni semplicemente sulla base di dichiarazioni effettuate per telefono dai suoi assistiti. Cio’ rende irrilevanti le considerazioni sulla effettiva sussistenza della malattia  o sulla induzione in errore da parte della paziente”.

 
Veniva poi confermata anche la condanna della paziente: una volta “ ritenuta  la falsita’ della certificazione medica ne discende necessariamente la responsabilità’ della ricorrente per aver fatto uso dell’ atto falso”.
 
Un commento:
Non e’ possibile contestare, in linea di principio, la correttezza della sentenza.
Ritengo pero’, con tutto il rispetto per i principi legali, che sarebbe necessario un approccio piu’ realistico e meno dogmatico al problema.
La “certificazione telefonica” (ma occorre sottolineare che la sentenza parla piu’ genericamente di “prescrizione”, per cui nella fattispecie potrebbero rientrare anche le semplici ripetizioni di ricette, qualora richieste solo telefonicamente) e’ certamente atto anomalo e irregolare, tuttavia la richiesta assoluta di “visita medica” per ogni atto e’ pure irrealistica e impossibile da ottemperare nel caos dell’ esistenza quotidiana, dove l’ affollamento degli studi medici e la burocratizzazione sempre piu’ spinta richiederebbero al contrario, per lasciare al sanitario il tempo per il suo compito fondamentale, curare gli assistiti)  un approccio semplificativo e meno formale.
Il medico non e' dotato di superpoteri e il carico di richieste e' diventato ormai insostenibile e, spesso, impossibile da soddisfare nel pieno rispetto di tutte (ma proprio tutte) le regole formali.

Il ruolo di Pubblico Ufficiale attribuito al Medico di Famiglia, poi, rende la situazione ancora piu’ complessa e opprimente, in quanto vengono puniti come reati comportamenti che possono rivelarsi perfettamente adeguati dal punto di vista sanitario, ma effettuati in deroga ai sempre piu’ estesi “doveri d’ ufficio”.
 
Tralasciando i casi  dei “furbi” e degli approfittatori (che certamente ci sono) molto spesso cadono nella rete dei medici soltanto “ingenui”, convinti in buona fede di stare facendo il meglio nell’ interesse dei malati.
  Va tenuto conto, inoltre, dell’ impatto delle nuove tecnologie: un medico mediante la teleconferenza, ad esempio, potra’ lecitamente certificare di aver riscontrato una patologia dermatologica?

Forse la situazione andrebbe un po’ ripensata…
Daniele Zamperini
 
 
 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 4.5
Voti: 2


Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.60 Secondi