Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Lettera aperta di un Medico di Famiglia al Ministro
Pubblicato da dzamperini in data 17/06/2012 18:13
Opinioni extraprofessionali
Onorevole Signor Ministro,
Ill.mi Signori  Direttori Generali

Il sottoscritto, cittadino Italiano di 63 anni, e medico dal 1975, attualmente medico di base ( medico di famiglia, medico di medicina generale) è con rammarico costretto a disturbare le SS.VV.LL.  per rappresentare la pericolosa situazione in cui sono venuti a trovarsi, nella vita reale, i cittadini Italiani utenti della medicina di base.



L' evoluzione delle normative sanitarie ha portato negli studi medici, un'enorme quantità di adempimenti burocratici imposti al medico di base, sotto la minaccia di sanzioni anche gravi, originati da Leggi dello Stato, Decreti e Leggi Regionali, Disposizioni e Circolari da ASL e Distretti.

Quanto sopra, seppur motivato da giuste esigenze che non compete allo scrivente commentare, ha prodotto di fatto una mole tale di burocrazia che provoca  effetti nocivi per gli operatori e per gli utenti ,vale a dire per tutti i cittadini Italiani, considerato che  negli studi dei medici di base afferiscono tutti gli Italiani,  anche i parenti poveri dei privilegiati , medici compresi.

La burocrazia, oltre ad essere ipovedente, è ineludibile ,incomprimibile ed improcrastinabile, costringe il medico a darle sempre la priorità, occupando oltre il margine di sicurezza le sue capacità mentali di attenzione e di serenità di ragionamento e giudizio clinico , e riducendo la sua efficienza operativa.

La burocrazia ha occupato di forza l' 80% dello spazio di lavoro del medico, comprimendo oltre i limiti della sicurezza lo spazio residuo da dedicare alla clinica, e compromette la qualità e la sicurezza del servizio che deve essere reso all'assistito e quindi al popolo Italiano tutto.

Da parte sua il paziente non riesce più ad ottenere quella risposta alla sua domanda di salute, in passato basata sul rapporto di  fiducia e che, proprio grazie a questo peculiare rapporto, poteva essere, in passato,  garantita.

Ora il paziente trova il suo medico trasformato, di volta in volta, in operatore telematico dell'INPS, dell'Agenzia delle Entrate, del MEF, in call center per il CUP, bersaglio di innumerevoli CAF, ed in controllore, o peggio esattore, del paziente per l'accertamento dei requisiti prescrittivi, di esenzione ticket, applicabilità di note prescrittive, compilatore di circa 100 moduli certificativi diversi ed obbligatori , compilatore di moduli  e certificazioni superflue che mille piccoli burocrati impongono ai pazienti e di conseguenza al medico.

Il paziente trova il  suo medico sempre più sommerso da un carico burocratico, cui non può sottrarsi, con l'attenzione inevitabilmente compromessa, costretto a dare la precedenza agli adempimenti burocratici , costretto a guardare un monitor invece che il viso del paziente, e vede incrinarsi il rapporto di fiducia, sviluppa diffidenza, ostilità derivante dal vedersi frapporre ostacoli normativi dal medico incolpevole, aggressività nel percepire che agli occhi della burocrazia egli non è più persona, nè paziente o cittadino  ma mero "contenitore di malattia". Inoltre il disagio generalizzato della popolazione colpita da crisi economica, e che si sente abbandonata e vessata dalle istituzioni, si  trasforma in un aumento di domanda, talora impropria, ma sostenuta da una sofferenza reale che viene canalizzata verso la medicina di base, la quale, ormai ridotta all’impotenza, non puo dare la giusta accoglienza e risposta.

  Quanto sopra, e la consapevolezza di impotenza, sono per l'operatore sanitario un carico psichico aggiuntivo che ulteriormente compromette la serenità delle decisioni clinico-terapeutiche, ed ulteriormente riduce lo spazio mentale ed operativo residuo da dedicare alla clinica , ed il circolo vizioso si perpetua in una spirale in discesa verso traguardi peggiorativi.

Questa situazione ha un costo elevatissimo: l'assistito Italiano viene di fatto privato dei diritti che la Costituzione ( e la carta dei diritti del malato) teoricamente gli riconoscono, ma che, nella vita reale, vengono  paradossalmente compressi dal  sistema e la sua burocrazia. 

Questa situazione creata con l’obiettivo anche del risparmio (anche se quella prodotta dalla medicina di base non è la voce più importante della spesa sanitaria ma sicuramente l’unica che può essere “controllata”)paradossalmente induce spesa e costi aggiuntivi.

L' Italiano vorrebbe riavere il suo medico, ed il suo medico vorrebbe tornare ad essere quello di prima per il suo paziente. Il suo medico sa quanto potrebbe dare in termini di professionalità e di specifiche competenze, esattamente l'80% in più, quello che nella vita reale è ora sepolto sotto la burocrazia, che ha snaturato la professione , e che si riflette molto negativamente sulla salute degli Italiani,dove “salute” non è solo assenza di malattia. Restituito di quello spazio sepolto, il medico Italiano saprebbe diversificarsi per dare una risposta attiva alla mutata situazione sociale, economica,sanitaria del Paese ma questo aspetto esula dallo scopo della presente e soprattutto non compete allo scrivente formulare suggerimenti.

Lo scrivente si è risolto, con rammarico, ad inoltrare la presente per due motivi:

1.      Non è affatto sicuro che chi, ai massimi Vertici, ha nelle sue mani responsabilità decisionali ai massimi livelli, sia effettivamente consapevole della realtà minacciosa  che si è venuta a produrre a carico della salute degli Italiani, proprio in quel settore, la medicina di base, che li accoglie veramente tutti, compresi i parenti poveri dei pochi privilegiati che possono scavalcarla. Una realtà molto articolata e complessa se vista dall'alto può nascondere gli strati più bassi della realtà stessa, anche se in quella si collocano tutti gli Italiani. Forse i massimi Vertici, ricevendo una segnalazione, potrebbero desiderare di verificare ed approfondire la realtà della situazione. Forse.

2.       Avere le consapevolezze sopra espresse, rafforzate dalla quotidiana visione della realtà sopra descritta, e rimanere pavido osservatore di una concreta minaccia e di un danno attuale  per la salute pubblica senza fare nulla , o nemmeno tentare di farlo, sarebbe tradire la lealtà che lo scrivente sente nei confronti del proprio lavoro, dei propri Connazionali, del proprio Paese e dei massimi Vertici della Sanità Italiana .

Il “non fare” per lo scrivente equivarrebbe ad assumersi la responsabilità morale di non aver denunciato una nuova malattia  a carattere epidemico ( e la situazione reale equivale e supera in efficienza lesiva anche una malattia epidemica) o peggio di non aver segnalato la presenza di esplosivo nella Casa degli Italiani.

Pertanto lo scrivente, superando la vergogna di poter essere cestinato come visionario e farneticante, sceglie, con tanto imbarazzo, e senza alcuna rivendicazione di ruolo, di inviare la presente, consapevole di non averne il diritto ma solo il dovere, come Italiano e come medico.

 Lo scrivente si scusa per il disturbo arrecato, si scusa per aver infranto eventuali protocolli e scavalcato gerarchie che non conosce, e porge i suoi più cordiali e rispettosi

Saluti

Roberto Berti

Posizione Ordine dei Medici di Roma n° 21456

 
Links Correlati
· Inoltre Opinioni extraprofessionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Opinioni extraprofessionali:
Criticita' procedurali e tecniche sulla Ricetta Elettronica



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 3
Voti: 1


Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi