Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 30 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Fibrillazione atriale misconosciuta: piu' frequente di quanto si creda
Pubblicato da dzamperini in data 20/02/2013 00:00
Medicina Clinica La fibrillazione atriale parossistica silente potrebbe essere più frequente di quanto si creda ed essere responsabile di ictus ischemici di origine ignota. 

E' noto che una delle cause più importanti di ictus ischemico è la fibrillazione atriale.

Tuttavia si vedono con una certa frequenza ictus ischemici in pazienti che non soffrono di fibrillazione atriale e nei quali non sono evidenti neppure altre cause (come per esempio una stenosi carotidea oppure una patologia aterosclerotica diffusa).

In realtà la possibilità attuale di poter disporre di registrazioni elettrocardiografiche continue di 24 ore (ECG secondo Holter) o addirittura di giorni (loop recorder) ci ha permesso di scoprire che esistono pazienti che vanno incontro ad episodi anche prolungati di fibrillazione atriale del tutto asintomatici dal punto di vista clinico.

Qual è l'importanza di questi episodi? Si può ipotizzare che possano essere la causa (o almeno una delle cause) dei cosiddetti ictus idiopatici?
Sembrerebbe di si, secondo uno studio pubblicato dal New England Journal of Medicine.
Nello studio, denominato ASSERT (Asymptomatic AF and Stroke Evaluation in Pacemaker Patients and the AF Reduction Atrial Pacing Trial), erano stati arruolati 2580 pazienti portatori di pacemaker e con anamesi negativa per fibrillazione atriale anche pregressa.
La registrazione dei tracciati effettuata mediante il device ha permesso di osservare che, durante un follow up di almeno 3 anni, circa un paziente su tre va incontro ad episodi di fibrillazione atriale clinicamente silente della durata di almeno sei minuti. Si è visto inoltre che questi episodi aritmici erano associati ad un rischio di ictus ischemico aumentato di circa 2,5 volte. Il rischio risultava ancora maggiore se il paziente aveva un CHADS2 score di 2 o più elevato.
 
Se è vero quindi che episodi prolungati di fibrillazione atriale silente possono causare ictus ischemico, la domanda conseguente è se il trattamento con anticoagulanti possa essere utile come per i pazienti con fibrillazione atriale clinicamente manifesta.
Per il momento la domanda rimane senza una risposta certa in quanto non esistono RCT che abbiano esplorato questa specifica situazione.
Rimane il fatto che la disponibilità di registrazione elettrocardiografiche continue porterà sempre più il medico a individure pazienti con episodi di fibrillazione atriale silente.
Cosa fare in questi casi? In mancanza di evidenze certe è giocoforza affidarsi al buon senso clinico. Una strategia ragionevole potrebbe essere quella di sottoporre a terapia anticoagulante quei soggetti che presentano episodi silenti prolungati e ripetuti, soprattutto se il loro rischio tromboembolico secondo la valutazione CHA2DS2-VASc risulta elevato, comportandosi in pratica come di fronte a episodi parossistici clinicamente evidenti [2].
 
Renato Rossi
Referenze
1. Healey JS et al. for the ASSERT Investigators. Subclinical Atrial Fibrillation and the Risk of StrokeN Engl J Med 2012 Jan 12; 366:120-129
2. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5191
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.37 Secondi