Epatite C: consensus Conference dellíNIH
Data:
Argomento: Archivio storico


Pubblicate nel novembre 2002 le conclusioni della Consensus Conference sull’epatite C organizzada dal NIH nel giugno dello stesso anno.



I Medici di Medicina Generale in particolare devono prestare attenzione ai seguenti punti:

  • Nella maggior parte dei casi, ad un test positivo per la presenza di anticorpi contro l’HCV deve seguire la conferma mediante saggio qualitativo su RNA di HCV.
  • Il trattamento di scelta è composto da interferone pegilato e ribavirina: la risposta sostenuta a questa terapia risulta del 40-50% per i pazienti con genotipo HCV tipo I e del 75-80% per i pazienti con genotipi virali tipo 2 e 3.
  • La maggior parte dei pazienti con livelli di ALT persistenti normali hanno biopsie che mostrano la presenza di malattia a bassa attività. Non vi è consenso se praticare biopsie epatiche e trattare pazienti di questo tipo.
Alcuni pazienti con ALT persistenti elevate mostano alla biopsia minime caratteristiche infiammatorie e assenza di fibrosi. Questi pazienti possono non essere trattati. Le preferenze dei pazienti possono giocare un ruolo nella strategia terapeutica di questi casi a basso rischio. Se il trattamento è rimandato si deve attuare un follow-up periodico.

  • Dalla parte opposta dello spettro vi sono pazienti con fibrosi e cirrosi. Questi pazienti mostrano un basso tasso di risposta alla terapia antivirale, ma alcuni dati suggeriscono come la malattia possa avere un andamento più lento se trattata.
  • Nelle coppie eterosessuali in cui un partner sia HCV positivo, il rischio di trasmissione è molto basso. Non viene raccomandato l’uso di anticoncezionali di barriera, anche se si ricorda che, pur essendo il rischio basso, esso non è uguale a zero.
Daniele Zamperini - 2003
Fonti:

National Institutes of Health consensus Development conference

Management of Hepatitis C: 2002

Hepatology 2002 Nov; 36: suppl 1: S1-S252







Questo Articolo proviene da Scienza e Professione - (Daniele Zamperini Medico)
http://www.scienzaeprofessione.it

L'URL per questa storia è:
http://www.scienzaeprofessione.it/modules.php?name=News&file=article&sid=316