Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 12 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Relazione tra vitamina A e rischio di frattura: una meta-analisi
Pubblicato da dzamperini in data 03/02/2015 00:00
Medicina Clinica Le fratture osteoporotiche significative causano morbilità e mortalità e rappresentano un problema di salute pubblica. Precedenti reports sulla relazione tra introito di vitamina A o retinolo sierico e rischio di frattura sono poco significativi.
La vitamina A comprende la vitamina A1 (retinolo) e la vitamina A2 (deidroretinolo). I carotenoidi provitamina A (principalmente il beta-carotene) possono essere convertiti nel corpo a vitamina A.

Gli autori di questa metanalisi di studi prospettici, ricercatori dell’Istituto ortopedico dell’Università di Zhejiang (Cina), hanno ricercato e selezionato soltanto studi prospettici sui principali database bibliografici (Medline ed Embase) per valutare gli effetti della vitamina A (o del retinolo o del beta-carotene, ma non dei metaboliti della vitamina A) sul rischio di fratture dell'anca e totali.
Sono stati raccolti i dati con una meta-analisi a effetti casuali con rischio relativo aggiustato (adj.RR) e il 95% di intervallo di confidenza (IC). Sono stati inclusi otto studi sull’introito di vitamina A (o retinolo o beta-carotene) (283.390 partecipanti) e quattro studi prospettici sul livello sierico di retinolo (8.725 partecipanti).

Risultati:
Un elevato introito di vitamina A e di retinolo incrementa il rischio di frattura dell’anca, il valore di adj.RRs (95% IC) è di 1.29 (1.07, 1.57) e di 1.40 (1.03, 1.91), mentre l'assunzione di beta-carotene non aumenta il rischio di frattura dell'anca, con adj.RRs (95% IC) di 0.82 (0.59, 1.14).
Sia un livello alto sia un livello basso di retinolo nel sangue aumenta il rischio di frattura dell'anca, l’adj.RRs (95% IC) è 1.87 (1.31, 2.65) e 1.56 (1.09 , 2.22).
Il rischio di frattura totale non differisce in maniera significativa per il livello di assunzione di vitamina A (o di retinolo), né per il livello di retinolo sierico. La metanalisi dose-risposta ha mostrato invece una relazione a U tra il livello di retinolo sierico e il rischio di frattura dell'anca.

Discussione e conclusioni:

Gli autori concludono che la loro metanalisi suggerisce che il livello di retinolo nel sangue è un'arma a doppio taglio per il rischio di frattura dell'anca.
Per evitare il rischio di frattura dell'anca causata dal livello troppo basso o troppo alto di concentrazione di retinolo, quindi, essi suggeriscono che, per il rischio di frattura, l'assunzione di beta- carotene (una provitamina A), che deriva soprattutto da cibi vegetali, e deve essere convertito in retinolo nel sangue (processo regolato da un meccanismo di feedback), possa essere preferibile al retinolo che deriva dalle carni (pesce, fegato, pollame, latticini) che viene assorbito direttamente nel sangue dopo l'assunzione.

Secondo i ricercatori, il motivo potrebbe essere che il retinolo derivato dalla carne è assorbito direttamente nel sangue; uno dei prodotti bioattivi del retinolo è l’acido retinoico che stimola la formazione di osteoclasti ed inibisce l’attività degli osteoblasti. Pertanto, alte dosi di retinolo potrebbero aumentare il rischio di frattura d’anca. A differenza del retinolo che è assorbito direttamente nel sangue, il beta-carotene è una delle provitamine A e viene convertita a beta-apo-carotenoide e a retinoidi nel corpo, e il processo è aggiustato dagli enzimi, pertanto, se la concentrazione di retinoidi nel sangue è sufficiente per il metabolismo, il processo di conversione viene soppresso da un meccanismo di feed-back. Potrebbe essere questo il motivo per cui alti livelli di assunzione di beta-carotene non aumentano il rischio di frattura dell’anca, mentre alti livelli di retinolo sì.

Fonte:

The Relationship Between Vitamin A and Risk of Fracture: Meta-Analysis of Prospective Studies. Wu AM. J Bone Miner Res. 2014 Apr 2.doi: 10.1002/jbmr.2237

Commento di Patrizia Iaccarino

Ancora un altro motivo, quindi, dopo la prevenzione del cancro al seno, per sconsigliare l’assunzione di proteine animali. L’uomo è destinato a diventare vegetariano?
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.63 Secondi