Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 16 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Utile lo screening del cancro epatico nel cirrotico
Pubblicato da dzamperini in data 21/03/2015 00:00
Medicina Clinica Una metanalisi di studi osservazionali suggerisce che il monitoraggio periodico (ecografia e alfa-fetoproteina) nel paziente con cirrosi aumenta la sopravvivenza.

Il paziente con cirrosi epatica viene spesso monitorato periodicamente con esami ecografici e dosaggio dell'alta-fetoproteina al fine di scoprire precocemente lo sviluppo di un epatocarcinoma, complicanza che, come è noto, può instaurarsi nel cirrotico.

Ma questo monitoraggio si traduce poi in un beneficio clinico reale? Vale a dire: la diagnosi precoce di epatocarcinoma permente un intervento terepeutico efficace in grado di prolungare la sopravvivenza?

Per rispondere a questa domanda è stata eseguita un'analisi della letteratura che ha permesso di ritrovare 47 studi pubblicati tra il 2009 e il 2012 per un totale di più di 15000 pazienti con cirrosi che hanno sviluppato un epatocarcinoma. Nella maggior parte dei casi si tratta di studi di tipo osservazionale retrospettivo.

Nel 41,4% dei casi l'epatocarcinoma era stato scoperto grazie alla sorveglianza periodica, negli altri casi era stato diagnosticato perchè si erano sviluppati dei sintomi oppure perchè era stata eseguita un'ecografia addominale e/o un dosaggio dell'alfa-fetoproteina al di fuori di un programma strutturato di monitoraggio.
Una forma precoce di tumore venne scoperta nel 70,9% dei casi sottoposti a sorveglianza periodica e nel 29,9% dei casi del gruppo non sottoposto a monitoraggio periodico.
Un trattamento curativo si potè instaurare rispettivamente nel 51,3% dei casi e nel 23,8% dei casi.

La sopravvivenza per almeno tre anni risultò riguardare il 50,8% del gruppo sorveglianza e il 28,2% del gruppo non sorveglianza.

Come è noto gli studi osservazionali sullo screening possono essere gravati da un tipo particolare di bias (lead time bias o bias della anticipazione diagnostica) per cui per determinare l'effettiva efficacia di uno screening bisognerebbe ricorrere agli studi clinici randomizzati e controllati. Tuttavia in 6 studi che avevano aggiustato i dati tenendo conto di questo tipo di bias la sopravvivenza a tre anni si è avuta nel 39,7% dei pazienti sottoposti a sorveglianza e nel 29,1% degli altri.

Che dire? Sicuramente siamo in assenza di studi randomizzati e controllati per cui le conclusioni derivanti dalla metanalisi recensita in questa pillola non si possono considerare il massimo dell'evidenza. Gli autori notano che non in tutti gli studi esaminati si è tenuto conto del lead time bias, non tutti avevano un follow up adeguato per valutare un endpoint come la sopravvivenza e nessuno degli studi ha esaminato quali potrebbero essere i pericoli dello screening.
Pur con questi limiti ritengono comunque utile il monitoraggio periodico.
Ricordiamo che le linee guida americane ed europee consigliano la sorveglianza ogni sei mesi nei pazienti con epatite cronica C e/o cirrosi).

Dal canto nostro aggiungiamo questo: è improbabile che in futuro siano effettuati RCT sullo screening dell'epaticarcinoma nei pazienti con cirrosi per cui la decisione dovrà essere presa su prove basate su studi ossservazionali.
Considerato che per il momento non abbiamo prove che lo screening sia inutile o pericoloso e che le evidenze che abbiamo (pur con i loro limiti) depongono a favore di una sorveglianza periodica pensiamo sia ragionevole effettuarla.


Renato Rossi


Biblioagrafia

1. Singal AG et al. Early Detection, Curative Treatment, and Survival Rates for Hepatocellular Carcinoma Surveillance in Patients with Cirrhosis: A Meta-analysis. PLOS Medicine 2014 Apr 1. DOI: 10.1371/journal.pmed.1001624
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.61 Secondi