Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 15 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Terapia dell'ipertrofia prostatica benigna
Pubblicato da dzamperini in data 01/09/2019 00:00
Medicina Clinica



 Una messa a punto sulla terapia farmacologica dell'ipertrofia prostatica benigna.


L'ipertrofia prostatica benigna si presenta essenzialmente con due tipi di sintomatologia: disturbi del riempimento vescicale (per esempio nicturia, urgenza, 
minzioni frequenti) e disturbi dello svuolamento vescicale (mitto debole, intermittente o difficoltà ad iniziare la minzione). 

La gravità dei sintomi può essere valutata tramite un sistema a punteggio denominato I-PSS (International Prostate Symptom Score). 

La terapia di tipo farmacologico e si basa su alfabloccanti, gli inibitori della 5 alfareduttasi e gli inibitori della 5 fosfodiesterasi.

Gli alfabloccanti (tamsulosina, silodosina, terazosina, alfuzosina, prazosina) agiscono producendo una riduzione del tono della muscolatura prostatica e del collo vescicale. 
Il principale effetto collaterale di questi farmaci è una disfunzione dell'eiaculazione; sono pissibili anche altri effetti collaterali come eiaculazione retrograda, disfunzione erettile, congestione nasale. Effetti collaterali cardiovascolari (ipotensione, tachicardia) sono possibili ma poco frequenti. 
L'uso di un alfabloccante deve essere riferito al chirurgo oculista prima di un intervento cataratta in quanto potrebbe comportare delle difficoltà tecniche con comparsa di una sindrome intraoperatoria definita "floppy iris syndrome".

Gli inibitori della 5 alfareduttasi  (finasteride, dutasteride) agiscono inibendo la trasformazione del testosterone in diidrotestosterone e di conseguenza riducono il volume prostatico. Questi farmaci sono indicati soprattutto quando l'ipertrofia prostatica è importante (volume della prostata > 40 mL) o per valori di PSA > 1,4- 1,5 ng/mL oppure in caso di sintomi che impattano molto sulla qualità di vita.
Il paziente va informato che l'effetto sui sintomi degli inibitori della 5 alfareduttasi comincia non prima di 3-6 mesi. 
Gli effetti avversi principali sono a carico dell'erezione e della libido.

Gli inibitori della 5 fosfodiesterasi sono farmaci usati essenzialmente per il trattamento della disfuzione erettile, tuttavia possono essere utili anche nell'ipertrofia prostatica benigna perchè riducono il tono della muscolatura liscia del 
detrusore. Inoltre sono talora prescritti per contrastare i disturbi dell'erezione causati dagli inibitori della 5 alfareduttasi. 

Spesso nei pazienti con ipertrofia prostatica benigna si usa associare un albloccante ad un inibitore della 5 fosfodiestesi. Studi randomizzati e controllati (MTOPS e 
CombAT) hanno dimostarto che questa associazione è più efficace della monoterapia nel migliorare i sintomi e nel ridurre il rischio di ritenzione urinaria e di interventi chirurgici. Uno studio recente suggerisce che dopo 12 mesi di terapia combinata si potrebbe sospendere l'alfabloccante, perlomeno in alcuni pazienti [2].

La terapia chirurgica trova indicazione nei casi che non rispondono alla terapia medica, nei casi di idronefrosi, di riduzione della funzionalità renale legata all'ostruzione e nei casi di ritenzione urinaria acuta.
Sono possibili vari tipi di intervento. La prostatectomia viene eseguita solo in casi selezionati, di solito si esegue la resezione transuretrale prostatica (TURP). Sono possibili anche interventi meno invasivi (per esempio l'ablazione transuretrale con ago).

Per la stesura di questa pillola sono state consultate essenzialmente le linee guida dell'American Urological Association [1].


Renato Rossi


Bibliografia

1. McVary KT et al. American Urological Association. Management of Benign Prostatic Hyperplasia. Linee guida pubblicate nel 2010 e confermate nel 2014.

2. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6915

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi