Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 14 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Non e' lecito celare la diagnosi al paziente, anche se infausta
Pubblicato da dzamperini in data 08/03/2009 12:35
Normative di interesse sanitario La Cassazione civile, sez. III, 18 settembre 2008, n. 23846, ha stabilito che e’ dovere del medico informare della diagnosi ed evitare di nasconderla, come spesso avviene, per motivi umanitari, in quanto si verifica un danno alla persona.

In un caso di tumore ormai inoperabile e sottoponibile solo ad interventi terapeutici palliativi, al paziente era stata celata la diagnosi.
Benche’ l’ exitus fosse ormai inevitabile ma solo rinviabile pur con ogni terapia, la Corte ha ritenuto che il fatto fosse illecito e si integrasse un danno risarcibile alla persona, per diversi motivi:
 
a) Il paziente, non avendo potuto fruire di intervento chirurgico palliativo ha dovuto sopportare le conseguenze del processo morboso e particolarmente il dolore mentre la tempestiva esecuzione dell’intervento palliativo avrebbe potuto, sia pure senza ottenere la guarigione, alleviare le sue sofferenze.
b) Il fatto che l’ exitus si fosse verificato anzitempo rispetto a quanto ottenibile, ha determinato per il paziente sia la perdita della chance di conservare durante quel decorso una migliore qualità di vita sia la perdita della chance di vivere alcune settimane o alcuni mesi di più rispetto a quelli poi vissuti.
c) E’ stato negato al pazienteoltre alla possibilita’ di poter scegliere cosa fare nell’ambito di quello che la scienza medica suggerisce per garantire la fruizione della salute residua fino all’esito infausto, anche la possibilita’ di poter programmare il suo “essere persona” e, quindi, in senso lato l’esplicazione delle sue attitudini psico- fisiche, in vista e fino all’evento mortale.

Pina Onotri
 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 4
Voti: 2


Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi