Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 17 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
L'uso prolungato di aspirina puo' favorire la degenerazione maculare?
Pubblicato da dzamperini in data 07/12/2013 00:00
Medicina Clinica Uno studio dimostra un aumentato rischio di incidenza di degenerazione maculare neovascolare in pazienti con uso prolungato di asprina

Poiche’ studi precedenti avevano dato risultati contrastanti circa l’associazione tra uso regolare di aspirina ed un rischio piu’ elevato di sviluppare degenerazione maculare senile (AMD), gli autori di questo studio di coorte basato-su-popolazione Australiana, prospettico, con 4 esami durante 15 anni (dal 1992-1994 al 2007-2009), hanno utilizzato la somministrazione di un questionario all’inizio dello studio, che valutava l’uso di aspirina, lo stato cardiovascolare ed i fattori di rischio per AMD. La degenerazione maculare senile e’ stata classificata da fotogrammi retinici presi a ciascuna visita dello studio per valutare l’incidenza di AMD neovascolare (umida)e di atrofia geografica (AMD secca), secondo la classificazione internazionale della AMD.
 
Risultati
 
Di 2389 partecipanti iniziali con dati di follow-up disponibili, 257 persone (10.8%) erano utilizzatori regolari di aspirina e 63 di questi (24.5%) avevano sviluppato AMD neovascolare. Gli utilizzatori regolari di aspirina avevano maggiori probabilita’ di sviluppare AMD neovascolare; l’incidenza cumulativa in 15 anni era del 9.3% negli utilizzatori e del 3.7% nei non utilizzatori.
Dopo aggiustamento per eta’, sesso, fumo, storia di malattia cardiovascolare, pressione arteriosa sistolica, e BMI, gli utilizzatori regolari di aspirina avevano un rischio piu’ elevato di sviluppare AMD neovascolare (odds ratio [OR], 2.46; 95% IC, 1.25-4.83).
L’associazione mostrava un effetto dose-risposta (P multivariato-aggiustato = .01 per il trend). Gli utilizzatori di aspirina non erano associati ad incidenza di atrofia geografica (OR multivariata-aggiustata OR, 0.99; 95% IC, 0.59-1.65).

Gli autori concludono che l’uso regolare di aspirina e’ associato ad un rischio aumentato di incidenza di AMD neovascolare, indipendente dalla storia cardiovascolare, dal fumo, e da altri fattori di rischio.

Alcune precisazioni degli autori: il rischio aumentato di AMD neovascolare e’ stato rilevato solo dopo 10 o 15 anni, suggerendo che il dosaggio cumulativo e’ importante nella patogenesi. Sebbene l’aspirina sia uno dei trattamenti cardiovascolari piu’ efficaci e riduca la ricorrenza di eventi cardiovascolari di circa un quinto, alcune metanalisi hanno messo in discussione la sua efficacia in prevenzione primaria, evidenziandone gli eventi avversi, quali l’aumento di emorragie gastrointestinali, intracerebrali, ed extracraniche.
Questo studio solleva la possibilita’ di considerare anche il rischio di AMD neovascolare. Sicuramente qualsiasi decisione di sospensione dell’aspirina e’ complessa e va individualizzata.
Allo stato, non vi e’ evidenza sufficiente per raccomandare modificazioni della pratica clinica, tranne forse in pazienti con fattori di rischio significativi per AMD neovascolare, nei quali puo’ essere appropriato valutare il piccolo potenziale rischio di incidenza di AMD neovascolare con l’uso prolungato di aspirina.
 
Limitazioni ammesse dagli autori:
1. La possibilita’ di confondenti residuali, quali quelli di indicazione, per i quali la malattia cardiovascolare, piuttosto che l’uso di aspirina, contribuisce al rischio aumentato della AMD.
2. L’uso di aspirina e’ stato determinato solo all’inizio e non e’ stato aggiornato. Se i partecipanti avessero iniziato ad assumere aspirina dopo l’inizio dello studio, sarebbero stati comunque classificati come non utlizzatori. Questo bias potrebbe ridurre la grandezza di questa associazione tra uso di aspirina e incidenza di AMD neovascolare, se associazione c’e’.
3. Non vi sono dati sulle indicazioni all’uso della aspirina, per cui non e’ possibile aggiustare per tutte le possibili indicazioni (ad es., malattie reumatiche).
4. L’accertamento dell’uso di aspirina e’ stato fatto tramite un questionario, la valutazione dell’atrofia geografica non ha utilizzato la autofluorescenza del fondo, il disegno dello studio era osservazionale ed i partecipanti rappresentavano una popolazione omogenea bianca. Il che delinea bias di accertamento, di allocazione non random dell’uso di aspirina ed i risultati non possono essere applicabili ad altre popolazioni non bianche con differenti profili di rischio per CVD e per AMD.
Fonte:
The Association of Aspirin Use With Age-Related Macular Degeneration. Gerald Liew; Paul Mitchell. JAMA Intern Med. 2013;():1-7. doi:10.1001/jamainternmed.2013.1583.
 
Commento di Patrizia Iaccarino
 
Con l’avanzare degli studi circa le conseguenze a lungo termine degli interventi farmacologici, riisulta sempre piu’ difficile operare una valutazione rischio/beneficio dei farmaci.
Da questo studio osservazionale sembra emergere una nuova conseguenza negativa dell’uso prolungato di aspirina, la degenerazione maculare neovascolare. Difficile valutare se il non uso avesse condotto il paziente al verificarsi di tale evento …
Per il medico pratico puo’ essere un ulteriore monito alla valutazione del rapporto beneficio/rischio dell’introduzione di una terapia cronica, quale quella dell’aspirina, soprattutto laddove esistono contrastanti evidenze, come in prevenzione primaria .
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.59 Secondi