Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 23 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
AVATAR-EROTISMO: Nuove frontiere o nuove follie?
Pubblicato da dzamperini in data 25/08/2021 08:45
Scienze Varie




Una recente ricerca italiana pubblicata su Nature suscita interesse, curiosità ma anche preoccupazione(1).



I ricercatori hanno creato un ambiente di Realtà Virtuale mediante uno schermo inserito sul capo dei soggetti, che trasmetteva le immagini di un Avatar dello stesso sesso e dimensioni corporee dell'osservatore (ma non con il medesimo volto del soggetto) che veniva accarezzato da gradevoli partner virtuali alternativamente di sesso femminile e maschile in varie zone del corpo ed in particolare nelle zone tradizionalmente considerate erogene (seni, genitali, ano).

I soggetti reclutati, 42 etero sessuali (maschi e femmine) e 42 omosessuali (maschi e femmine) osservavano,comodamente seduti ed indossando il “casco di realtà virtuale” un Avatar del medesimo sesso mentre veniva toccato delicatamente in varie parti del corpo dapprima da Avatar dello stesso sesso e successivamente da Avatar di sesso opposto.

Lo studio dal punto di vista scientifico ha conseguito risultati interessanti:
1) ha dimostrato che è possibile indurre in tutti i partecipanti una identificazione corporea, sia pure di profondità variabile, con l'Avatar che lo rappresentava.
2) ha inoltre dimostrato che i soggetti toccati dagli Avatar del sesso preferito provavano gradevoli esperienze sinestetiche, anch'esse di intensità variabile, le quali consentivano di avvicinarsi alle percezioni provate in situazioni reali.
3) per ciò che riguarda l'orientamento sessuale i maschi eterosessuali avvertivano come gradevoli solo i contatti con gli Avatar femminili mentre i gay trovavano gradevoli i tanto i contatti con Avatar maschili che con quelli femminili. Le donne eterosessuali trovavano gradevoli i contatti con gli Avatar di ambedue i sessi mentre le femmine lesbiche descrivevano come piu gradevoli i contatti con gli Avatar donne.


Commento allo Studio

La ricerca che abbiamo molto sinteticamente riassunto presenta vari motivi di interesse.
Un primo motivo di interesse è che i ricercatori hanno valutano con un approccio scientifico un fenomeno verosimilmente già diffuso nel web attraverso canali e modalità incontrollate, coinvolgendo probabilmente anche soggetti fragili per età e caratteristiche psico- sociali: esso quindi richiama l' attenzione di psicologi medici e ricercatori su fenomeni che generalmente la “buona scienza” ignora lasciandoli alla cronaca ed al gossip. Da segnalare in particolare la possibilità, citata nell’articolo che simili esperienze possano indurre dapprima fenomeni di profonda identificazione psicofisica e successivamente fenomeni di depersonalizzazione/ derealizzazione: ovvero disturbi dissociativi caratterizzati da esperienze di irrealtà, distacco rispetto ai propri pensieri, sentimenti, sensazioni, e talora anche rispetto al proprio corpo od alle proprie azioni.E’ dubbio se ripetute esperienze di questo tipo possano lasciare tracce indelebili nella psiche di soggetti vulnerabili….(2)

Un secondo motivo di interesse è che malgrado i limiti dello studio ( in particolare la ridotta numerosità del campione ed i criteri di selezione non ben definite) esso dimostra come con dispositivi di realtà virtuale non particolarmente sofisticati ( un video applicato davanti agli occhi del soggetto che mostrava un avatar dello stesso sesso accarezzato da altro avatar di gradevole aspetto)era possibile indurre in praticamente tutti i soggetti una identificazione più o meno profonda con l’avatar accarezzato cui seguivano sensazioni corporee ed emozionali più o meno intense, il più delle volte gradevoli ma talora anche sgradevoli se l’avatar di identificazione veniva accarezzato da un soggetto non gradito.

Come osservato dai ricercatori nella “Discussione” dispositivi di realtà virtuale potranno essere utilizzati sempre più estesamente per ricerche neurofisiologiche, psicologiche e psicopatologiche concernenti la sessualità dato che tutti I soggetti partecipanti, sia pure a differenti livelli di coinvolgimento, hanno tuttavia dichiarato di avere provato sensazioni di natura sessuale: sarà quindi possibile simulare le più varie esperienze superando così i problemi legati alle interazioni tra umani. Resta da affrontare il problema, sottolineato dai ricercatori, di controllare nei soggetti partecipanti all’esperimento le conseguenze della identificazione del coinvolgimento emozionale e della eventuale depersonalizzazione…

Un terzo motivo di interesse è che la ricerca ripropone un enorme problema ignorato dalla larga parte della pubblicistica sul digitale e la intelligenza artificiale, ovvero che le innovazioni vengono sistematicamente presentate come strumenti di progresso e di miglioramento per tutti gli utenti, ma molto raramente valutate per le possibili ricadute negative. A questo proposito non si comprende per quale motivo ogni nuovo farmaco sia soggetto a severe e valutazioni su effetti terapeutici e rischi per la salute mentre le innovazioni digitali, che hanno sempre rilevanti conseguenze psicosociali, sono pregiudizialmente considerati fattori di progresso e di benessere scotomizzando il dato storico che dimostra che anche semplice innovazioni introdotte in ambienti complessi possono generale conseguenze imprevedibili ed indesiderabili.


Riccardo De Gobbi e Giampaolo Collecchia


Bibliografia

1) Martina Fusaro, Matteo P.Lisi et Al.: Heterosexual, gay, and lesbian people’s reactivity to virtual caresses on their embodied avatars’ taboo zones Scientific Reports (nature.com) Heterosexual, gay, and lesbian people’s reactivity to virtual caresses on their embodied avatars’ taboo zones | Scientific Reports (nature.com)
2) http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=7147


Per approfondire:
Collecchia G. De Gobbi R.: Intelligenza Artificiale e Medicina Digitale. Una guida critica. Il Pensiero Scientifico Ed. Roma 2020
http://pensiero.it/catalogo/libri/pubblico/intelligenza-artificiale-e-medicina-digitale

 
Links Correlati
· Inoltre Scienze Varie
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Scienze Varie:
Nascere gemelli: problemi e curiosita'



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.61 Secondi