Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
I principi della responsabilita' medica per la Cassazione
Pubblicato da dzamperini in data 01/04/2023 00:00


L’opera dei sanitari va valutata primariamente sotto l’ aspetto di perizia/imperizia, ma ciò non esclude un errore per negligenza o imprudenza. La Cassazione sintetizza i principi  dell riconoscimento di responsabilita’(Cassaz. n. 15258/2020) e (Cass. 7355/2022)


Per definizione le attività professionali richiedono primariamente una adeguata perizia cioè il rispetto delle regole che disciplinano il corretto compimento di quanto necessario per raggiungere lo scopo per il quale sono previste. L’ errore, tuttavia, puo’ essere determinato da negligenza o da imprudenza ma in tal caso sarà necessario isolare con precisione l'errore, sulla scorta di pertinenti dati fattuali che ne attestano la ricorrenza. 
Il giudice di merito, ove concluda che l'evento infausto dipenda dalla condotta colposa del medico imputato, deve indicare, in una articolata motivazione:

 1) se il caso in oggetto sia regolato da linee-guida o, in mancanza, da buone pratiche clinico-assistenziali;
2) specificare di quale forma di colpa si tratti (generica o specifica, se sia per imperizia, o per negligenza o imprudenza);
3) appurare se ed in quale misura la condotta del sanitario si sia discostata dalle linee-guida o buone pratiche clinico-assistenziali, e quale sia stato il grado della colpa;
4) a quale delle diverse discipline succedutesi nel tempo debba essere data applicazione, in quanto più favorevole all'imputato nel caso concreto, ai sensi e per gli effetti dell'art. 2, co. 4, del codice penale.

La giurisprudenza non e’ del tutto pacifica circa l’ individuazione e la definizione di imprudenza, negligenza, imperizia. Ad esempio si è sostenuto che l'errore diagnostico è frutto di imperizia, mentre la scelta compiuta dal sanitario il quale abbia scelto, tra diverse modalità d'esecuzione di un intervento quella maggiormente rischiosa, integra gli estremi della condotta imprudente.

Il tema appare molto intricato, per cui la Corte ritiene ci si possa giovare di una generica concettualizzazione: l'imperizia si configura nella violazione delle «regole tecniche» della scienza e della pratica (o leges artis) mentre l’ imprudenza e negligenza hanno alla cui base la violazione di cautele attuabili secondo la comune esperienza.

"Rientra nella nozione di imperizia il comportamento attivo o omissivo che si ponga in contrasto con le regole tecniche dell'attività che si è chiamati a svolgere".

Va tenuto presente che la perizia e’ caratteristica di attività che richiedono competenze tecnico-scientifiche o che presentano un grado di complessità più elevato della norma per cui vengono richieste competenze che sono tipiche di specifiche professionalità, per cui l’ opera dei professionisti sanitari presenta soprattutto errori determinati da imperizia; non si eslude pero’ che l'evento possa essere stato determinato da un errore originato da negligenza o da imprudenza, pero’ questi aspetti dovranno essere accertati specificamente, in base effettivi dati fattuali.

Una sentenza piu’ recente (Cass. 7355/2022) ribadisce la validità della teoria condizionalistica, secondo la quale la condotta è causa dell'evento se ne costituisce "condicio sine qua non", cioe’ se ne e’ condizione necessaria (anzi indispensabile). 

Va quindi verificato se, ad una analisi controfattuale che elimini ipoteticamente tale condotta medica venisse meno anche l'evento.

La probabilita’ semplicemente statistica va quindi trasformata in probabilità logica, ovvero a certezza processuale.
Per aversi probabilità logica e certezza processuale, il giudice deve escludere la sussistenza di fattori causali alternativi nel caso concreto.

Daniele Zamperini
 
Links Correlati
· Inoltre
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a :
Mediazione obbligatoria, consenso, responsabilita' professionale. Il punto



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi