Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Il “Drogometro”, questo sconosciuto
Pubblicato da dzamperini in data 15/04/2023 00:00
Normative di interesse sanitario



Tutti gli automobilisti conoscono l’ etilometro e il suo utilizzo per verificare l’ eventuale stato di ebbrezza alla guida, ma quasi nessuno e’ al corrente dell’ analogo strumento utilizzato per accertare se l'automobilista ha utilizzato sostanze stupefacenti


L’ apparecchio Alere DDS2 (comunemente detto “Drogometro”) e’ un apparecchio che consente di misurare in tempo reale, come con l’alcoltest, se il guidatore ha assunto sostanze stupefacenti. Funziona in modo incruento tramite un prelievo di saliva e ha dimensioni molto contenute, tanto da poter stare in una valigetta.
E’ stato istituzionalizzato dal 2017 a seguito di un Direttiva del Ministero dell’ Interno (c.d. Direttiva Minniti) a seguito di un’ ampia sperimentazione effettuata nel 2015 in numerose province italiane. 
E’ un apparecchio molto efficiente: riesce a misurare in 8 minuti la presenza di numerosi tipi di stupefacenti. 

Attualmente e’ in grado di identificare:

anfetamine
cocaina
metadone
metanfetamine
oppiacei
THC (“tetraidrocannabinolo”) 
benzodiazepine 

Se il campione di saliva prelevato rileva la presenza di una qualsiasi di queste sostanze al di sopra del valore soglia indicato dall’azienda produttrice del dispositivo (l’articolo 187 del Codice della Strada non fornisce indicazioni in tal senso), si procede ad acquisire altri due campioni di saliva (o a prelievo ematico) che vengono sigillati e inviati a Roma al Centro di Ricerche di laboratorio e Tossicologia forense. Questa procedura non si attua in caso di esame negativo.

Solo in rari casi sono presenti in loco laboratori mobili per l’effettuazione immediata degli esami di secondo livello, aventi quindi valore legale. 
La patente, in caso di positivita’, viene ritirata per una decina di giorni in attesa dei test di conferma. 

Va sottolineato infatti  che, a differenza dell’ etilometro (avente valore legale) il test col Drogometro non ha questo valore probatorio essendo considerato test di primo livello, abbisognevole di conferma.
I test effettuati finora tuttavia non hanno registrato falsi positivi e sembrano davvero efficaci, anche se c'è da dire che il valore di cut off non è stato ancora stabilito dalla legge ma è stato solo indicato dalle aziende produttrici del test stesso.

Se il drogometro esprimesse un risultato positivo ( e non in caso di negativita’) l’ automobilsta puo’ anche essere sottoposto a visita medica per accertare se la presenza di droghe nell'organismo lo abbia effettivamente posto in condizione di “alterazione psico-fisica" (art. 187 del codice della strada).

Qualche domanda:

L’ automobilista puo’ rifiutare di fare il test?

Si, e’ possibile ma sono previsti provvedimenti amministrativi piuttosto pesanti.
In tal caso infatti la Polizia stradale verbalizza la scelta come “rifiuto di accertamenti” (art. 187 comma 8) e possono essere comminate sanzioni come la  sospensione della patente di guida per un periodo da sei mesi a due anni, nonche’ la confisca del veicolo (se il veicolo è di proprietà) oltre a pesanti multe. 


Per quanto tempo rimangono  nel fisico tracce della droga che il drogometro può rilevare?

In un fumatore abituale si ritrovano livelli significativi di THC anche a distanza di 20 giorni dall'ultima assunzione, mentre in un fumatore occasionale in genere scompaiono a distanza di 4 giorni (Fonte: National Drug Court Institute).
Per la cocaina sembra che la positivita’ al drogometro duri pochi giorni. Nel capello invece rimangono tracce di droga fino a 90 giorni; nei casi dubbi e’ difficile sfuggire agli esami di approfondimento.

Quindi, molta cautela prima di mettersi alla guida.
E’ in base ad un elementare principio di precauzione che il sottoscritto, quando esce a cena, preferisce (con rammarico, certamente) evitare l’ alcol in modo assoluto. 
E figuriamoci se si parlasse di sostanze “anomale”!

Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Opinioni extraprofessionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.39 Secondi