Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 22 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Il medico a pagamento e' sempre il piu' bravo
Pubblicato da dzamperini in data 26/08/2009 16:53
Pensieri e opinioni professionali Perche’ tanti pazienti, pur sinceramente stimando il proprio medico, in caso di malattia vanno sempre a caccia di un secondo parere?  Probabilmente il fatto che esso sia gratuito ne sminuisce il “valore” professionale. Uno studio conferma questo assunto

Alcune categorie di medici del SSN, obbligati a prestare la loro opera gratuitamente, come ad esempio i Medici di Famiglia (MdF) e categorie assimilate, lamentano spesso come, nel caso di patologie di forte impatto emotivo, il loro parere venga sovente ignorato e il paziente vada alla ricerca di un "secondo parere" spesso totalmente o parzialmente oneroso; e questo indipendentemente dall’ impegno, dall’ assiduità’, dalla capacita’ umana e professionale del medico stesso.
 
Il secondo parere, poi, indipendentemente dall' effettiva qualita', viene generalmente sentito come prevalente; anche nei casi in cui in tale sede viene totalmente confermato il parere e l’ indirizzo del primo medico (quello gratuito), questi viene rappresentato e valutato essenzialmente in rapporto alla conferma successiva, come se il medico di famiglia avesse superato un esame tenuto da un superiore (“ho un medico di famiglia proprio bravo: l’ ha detto anche quello dell’ Ospedale!”).
 
Perche' tutto questo?
Una delle ragioni addotte intuitivamente dagli interessati e' la totale gratuita' del servizio: cio' che non si paga viene sempre considerato di qualita' inferiore.
 
L' effettiva verita' di questa intuizione e' stata ora confermata scientificamente: alcuni ricercatori americani hanno riscontrato che le persone tengono in massima considerazione i consigli per cui hanno pagato, indipendentemente (e questo e' sorprendente) dalla loro effettiva qualita' e dal profilo di chi li elargisce.
 
Con gli accorgimenti usuali nelle ricerche comportamentali, tendenti a mascherare i fini della ricerca in modo da evitare comportamenti e risposte tendenziose, gli studiosi hanno messo le "cavie" nella condizione di scegliere, per i loro problemi, un consulente che poteva operare (a loro scelta) in modo gratuito o a pagamento, con l' assicurazione che i pareri sarebbero stati dati dalla stessa persona con la medesima accuratezza e qualita'.
I controlli effettuati successivamente evidenziavano che i consigli ricevuti a pagamento venivano seguiti con cura e attenzione maggiore di quelli gratuiti. Anzi, si rilevo' che maggiore era il costo della "consulenza", piu' cura veniva posta nel seguirne i pareri.
I pareri gratuiti, sebbene accurati e veritieri, godevano di un basso gradimento e una bassa compliance da parte degli utenti.
 
Gli autori spiegano questo fenomeno con un meccanismo gia' noto in psicologia: la cosiddetta "sunk cost fallacy", l' effetto del costo sommerso per cui gli individui tendono a giustificare gli investimenti fatti, e il loro costo.
 
E' possibile ipotizzare, quindi, che un eventuale ticket sulle visite del medico di famiglia ne accrescerebbe l' autorevolezza e potrebbe diminuire il ricorso continuo ad inutili "secondi pareri"; questa strada, tuttavia, sembra assai poco perseguibile nell’ attuale situazione sociale, per cui i MdF dovranno probabilmente rassegnarsi al loro ruolo di “cenerentole” della Sanita’. E questo indipendentemente dalla loro effettiva capacita’ e utilita’.

Daniele Zamperini - Pina Onotri

Fonte:
F.Gino, 2008, http://dx.doi.org/10.1016/j.obhdp.2008.03.001
 
 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Scienze Varie

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.48 Secondi