Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
NON DIMENTICHIAMO COME SI STUDIA
Pubblicato da dzamperini in data 27/12/2023 00:00
Pensieri e opinioni professionali


Il computer, il Web e ora l’ Intelligenza Artificiale (IA) hanno rivoluzionato le tecniche di studio e di apprendimento. 
L’ aspetto piu’ appariscente e’ quello che, attualmente, gli studenti rifuggono dall’ apprendimento mnemonico in quanto, ritengono, le informazioni utili sono facilmente e senza sforzo repeibilli su web con le piu’ banali attrezzature.


Questa opinione non e’ del tutto peregrina perche’ e’ palese come la parte nozionistica dell’ apprendimento costituisca la prima parte (e spesso la fondamentale) di ogni processo intellettivo, specialmente se finalizzato a situazioni pratiche. Di conseguenza avere a disposizione tutti i dati di base consente agli studenti poco studiosi di ritenere di poter risolvere ogni problema.

Va tenuto conto pero’ di un aspetto che differenzia nettamente e profondamente  l’ apprendimento ottenuto tramite nozioni ottenute, rapidissimamente, dal web, da quello ottenuto invece dai libri: mentre il primo fornisce per la maggior parte informazioni “brutali”, non filtrate ne’ interpretate, il secondo metodo (quello classico) fornisce dati sottoposti al vaglio preventivo dell’ autore del testo, favorendone l’ assimilazione e la rielaborazione. 

Si apre un vastissimo capitolo: e’ ovvio che parlando di libri ci si riferisce all’ opera di autori “seri” per libri di intento didattico,  non di libercoli pubblicati tanto per pubblicare, per guadagno o per sete di notorieta’. Ne riparleremo…

Diversi studi hanno evidenziato gia’ da molti anni alcuni aspetti importanti del meccanismo dell’ apprendimento: 
studi effettuati sugli studenti italiani evidenziarono ad esempio come la memoria non sia direttamente collegata ai risultati scolastici, in quanto studenti meno dotati dal punto di vista mnemonico ottenevano risultati  in genere migliori utilizzando aspetti diversi della loro capacita’ e relegando alle mnemotecniche un generico ruolo ausiliare, che aiutano a ricordare date e nomi ma non per individuare e memorizzare i punti salienti di un testo o di un problema, imparati con ragionamenti e collegamenti.

Non sembrava utile riassumere per iscritto il contenuto di un testo durante la lettura o la fine del capitolo basandosi solo sulla memoria, se non si riesce invece  a formarsi un’immagine mentale di quanto studiato.
Non sembrava efficace neppure leggere ad alta voce o insieme ad altre persone; puo’ essere utile magari farlo in un secondo momento, per rielaborare e casomai discutere. 

Date le premesse, le tecniche piu’ efficaci sembravano basate essenzialmente sulla rielaborazione ragionata di quanto studiato, puntualizzando i concetti salienti ripetendoli mentalmente alla fine dello studio, fissando le idee guida con annotazioni o diagrammi lungo il testo o richiamando alla mente il materiale con trucchi mnemonici: Portare con se’ i testi anche in occasioni in cui si sa gia’ che non verranno consultati: il solo fatto di averli sempre con se’ obbliga un piccolo angolo della mente a tornarci sopra e a ragionarci un po’.

In sintesi, comunque, resta valido il principio che il ragionamento si basa sulla rielaborazione delle nozioni apprese, per cui delegare totalmente la memoria a meccanismi esterni, che forniscono dati senza permetterne la rielaborazione, appare potenzialmente dannosissimo.

Questo aspetto si mostra ancora piu’ preoccupante quando viene delegata alla macchina, oltre alla memoria, anche la rielaborazione “ragionata” delle nozioni.  E’ evidente che una persona istruita sull’ argomento delegato alla macchina potra’ essere in grado di sfruttarne le capacita’ e le opportunita’, ma lo stesso procedimento affidato ad un controllore profano rischia di essere usato in modo “acritico”, potenzialmente assai dannoso.

Ad esempio sappiamo che una delle conseguenze più preoccupanti dell’ uso estensivo di Internet è la Cybercondria: decine, forse centinaia di migliaia di persone che vivono semplici disagi psico-fisici vengono trasformati da Internet in malati.
La sottile linea d'ombra è proprio nella creazione di nuove malattie: Internet deve essere un nostro strumento non il nostro padrone…

Le nuove tecniche, quindi, non devono essere utilizzate ne’ per esimersi dalle necessita’ e dalle fatiche dell’ apprendimento, ne’ per delegare alla macchina decisione che non le competono. Dobbiamo imparare a dominare la tecnica, o questa ci schiaccera’.

Daniele Zamperini

http://www.oxforddictionaries.com/definition/english/cyberchondriac
Psicologia contemporanea n.159-2000. 

 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi