Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 12 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Abbiamo ancora una verita' clinica?
Pubblicato da dzamperini in data 27/11/2021 00:00
Pensieri e opinioni professionali

Il crollo dei miti


In questo periodo faticoso e difficile della nostra professione, mi sembra opportuno riflettere sul senso del nostro “agire medico“, sulle nostre apparenti “certezze“, e sulla difficoltà di trovare un nuovo “modus operandi“ che salvi in ​​qualche modo il rapporto di fiducia medico-paziente.
I tre pilastri fondamentali che sostengono le nostre conoscenze mediche e che derivano dalle lezioni universitarie sono: il paradigma dell'obiettività, il paradigma della verità e il paradigma dell'agire secondo e coscienza.
La domanda è: ci possiamo-dobbiamo fidare ancora di queste strutture cognitive?


Paradigma dell'obiettività: l'esame “obiettivo”, i “dati di fatto”, la netta divisione fra soggetto conoscente e oggetto conosciuto, la cosiddetta “neutralità” dell'osservazione sono ormai leggende metropolitane. Popper ci ha già ampiamente spiegato quanto velleitaria sia questa posizione: chi 'guarda', chi 'osserva', chi fa 'un'esame obiettivo', chi scruta una TAC…ci mette del suo, utilizza il suo “sapere di sfondo”. Cioè'atto stesso del conoscere, dell'osservare, dell'analizzare condiziona, influisce, modifica l' 'osservato'…con buona pace di qualsiasi neutralità obiettiva.
G. Federspil , nella sua “Logica clinica” si è correttamente richiesto: “…che cos'è un'osservazione? O meglio, che cosa osserviamo veramente?...In realtà…non si tratta affatto di osservazioni, ma di interpretazioni di osservazioni.”
Nella chiarezza cristallina del “Mondo come volontà e rappresentazione” Schopenhauer afferma che “Il mondo è una mia rappresentazione”. Esso quindi “…rimane sempre assolutamente condizionato dal soggetto [che percepisce].“
Mutatis mutandis, il paziente, che il medico sta visitando, non è conoscibile come 'oggetto reale', ma solo come una serie di percezioni sensoriali: pallore, calore, secchezza, percezioni sonore, percezioni mimiche, ecc. L'unica realtà, l'unico ponte possibile fra oggetto e soggetto è la 'rappresentazione sensoriale', cioè la relazione fra i due.
Questo modo di pensare è proprio sia della fisica moderna, sia della filosofia orientale, laddove si vedono in ogni persona, animale, oggetto, non tanto precise 'individualità' ma solo 'nodi relazionali' di una rete. Il mondo, l'universo è costituito solo da fenomeni 'relazionali'.
Perciò noi medici dovrebbe “abbandonare la dualità ontologica medico-paziente, a favore di una nuova semeiotica 'includente', circoscrivente, che accolga le 'modalità del malato' ossia i significati che lui attribuisce al suo stato“ (Ivan Cavicchi),

Paradigma della verità: diciamocelo…l'unica verità che può ancora esistere è quella di fede.
Dopo il teorema di incompletezza di Gödel (sulle verità matematiche indimostrabili), il teorema di Tarski (sull'indefinibilità della verità), e il principio di indeterminazione di Heisenberg (sull'inconoscibilità del mondo subatomico) è crollata ogni possibilità di raggiungere qualsiasi fisico -matematica.
L'unica nozione che rimane (anche per noi medici) è quella di Probabilità. Stanno scomparendo i vari 'sintomi patognomonici' a favor di concetti come 'probabilità a priori', 'valore predittivo positivo', 'rapporto di verosimiglianza', ecc.
Il problema è come succedere questo paradigma (che deriva come corollario da quello dell'obiettività) nel rapporto medico-paziente,.cioè come far capire che le tante diagnosi quotidiane, comprese quelle infauste, sono diagnosi di probabilità e non più di certezza.
Il paradigma da re-inventare è come comunicare l'incertezza, la complessità, la fragilità insita nel vivere, senza rinunciare a un minimo di autorevolezza. Il pegno da pagare, in caso di fallimento, è la perdita del rapporto terapeutico. Purtroppo su questo fronte della comunicazione… abbiamo ancora molto da imparare.

Paradigma dell'agire secondo scienza e coscienza: paradigma sacrosanto, fino a qualche decina d'anni fa. Dopo che l'epidemiologia e le scienze sociali ci hanno aperto gli occhi sugli scenari prossimo-futuri, sugli indici di vecchiaia e di natalità, sulla rincorsa consumistica ai beni sanitari, sull'impossibilità di riallocare risorse economiche introvabili, sull'insostenibilità di un sistema sanitario basato sul trend iperbolico della tecnologia, ogni medico ha il dovere morale di farsi alcune domande: quanta 'sanità', a 'chi' e con quali 'criteri', (…che è come dire quanti vaccini per COVID, a chi e con criteri di qualità).

Riflessioni Finali Se agire secondo ‘scienza e coscienza’ significa prescrivere esami, accertamenti, terapie, interventi….senza riflettere sui costi …questo significa avviarci verso il vicolo cieco di una ‘medicina impossibile e insostenibile’. Il problema dei costi è ormai un problema etico ineludibile, e chi non se lo pone si mette inconsciamente proprio contro il criterio della ‘coscienza’.
Daniel Callahan (nel suo libro “La medicina impossibile. Le utopie e gli errori della medicina moderna”) sostiene che “occorre ridimensionare le speranze”…per non toglierle a chi ne ha veramente bisogno[NdA]. Se vogliamo dare una sanità dignitosa a tutti i cittadini, e far fronte alla bomba sociale ad orologeria rappresentata dal prolungamento della vita, dobbiamo imparare a dire dei ‘no’ e dei ‘si’.
E' certamente e prima di tutto un problema politico…ma noi abbiamo delle responsabilità obiettive e non possiamo nasconderci dietro a un dito. Dobbiamo succedere il paradigma del fare 'secondo scienza e coscienza' e passare a quello più etico del fare 'secondo scienza, coscienza e risorse disponibili' (che è poi il semplice operare del buon padre di famiglia).
'orfani' di 'verità epistemica', dobbiamo insomma fare una scelta programmatica: se qualsiasi continuare a scelta lavorare con buon senso o gettarci nelle braccia di un'utopia deleteria e generatrice di sofferenze (e di debiti) per i futuri cittadini (che saranno anche i nostri figli e nipoti…).


Roberto Fassina


Bibliografia

(1) G. Federspil. Logica Clinica. I principi del metodo in medicina, McGraw-Hill, 2004.
(2) D. Antiseri “Cristiano perché relativista, relativista perché cristiano”, Rubbettino 2003
(3) I. Cavicchi “Ripensare la medicina”, Bollati Boringhieri 2004
(4) G.Snyder. La grana delle cose. Edizioni Gruppo Abele, 1987. Torino.
(5) De Finetti B. La logica dell'incerto, Il Saggiatore Mondadori Milano 1989
(6) A. Schopenhauer. Il mondo come volontà e rappresentazione. I Meridiani, Mondadori. 1989
(7) Popper KR Conoscenza oggettiva. Un approccio evolutivo, Oxford alla Clarendon Press, 1972
(8) Codice di deontologia medica. Fnomceo. 2014
(9)Chiara Bertoncello, Alessandra Buja. L'uso ottimale delle risorse. Una questione etica. 9 maggio 2018. https://www.saluteinternazionale.info


 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.60 Secondi