Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 16 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Ridurre il sale: quali effetti sulla salute?
Pubblicato da dzamperini in data 28/03/2014 00:00
Medicina Clinica Due importanti revisioni confermano che la riduzione del sale alimentare puo’ avere importanti benefici sulla salute e fugano alcuni dubbi emersi da studi passati.

In una pillola precedente e’ stata recensita una revisione Cochrane di 167 studi in cui si suggeriva che un'alimentazione a ridotto contenuto di sale potrebbe avere benefici minori di quelli ipotizzati [1]. Questa conclusione, apparentemente sorprendente, derivava dalla constatazione che la riduzione del sodio era associata ad una diminuzione della pressione arteriosa, ma anche ad un aumento significativo della renina, dell'aldosterone, della noradrenalina, del colesterolo e dei trigliceridi.

Sempre in quell'occasione venivano citate altre revisioni secondo le quali non e’ certo quali siano gli effetti della diminuzione del sodio su endpoint hard come la mortalita’ e la morbilita’.
 
Ma ora sono stati pubblicati altri due studi che aggiungono ulteriori conoscenze e sembrano fugare questi dubbi.
 
Il primo e’ una revisione Cochrane di 34 studi randomizzati e controllati per un totale di 3230 partecipanti [2]. In questa analisi si conferma che una modesta riduzione dell'introito del sale alimentare comporta una importante diminuzione della pressione arteriosa sia nei normotesi che negli ipertesi. Contemporaneamente si ha un piccolo, fisiologico, aumento della renina, dell'aldosterone e della noradrenalina ma nessun effetto sulla concentrazione di lipidi. Secondo gli autori sarebbe preferibile una riduzione del sale alimentare ancora maggiore di quella suggerita dalle linee guida, fino ad arrivare a circa 3 grammi di sodio al giorno (le linee guida consigliano circa 5-6 grammi/die). In questo modo si avrebbero nel lungo termine, a livello di popolazione, dei grandi benefici grazie ad una significativa riduzione della pressione arteriosa media.
 
La seconda analisi [3] e’ una revisione sistematica che ha esaminato 14 studi di coorte e 5 trials randomizzati e controllati in cui venivano riportati endpoint hard. Oltre a questi sono stati inclusi nella revisione sia 37 RCT che valutavano gli effetti della riduzione del sale su endpoint surrogati (pressione arteriosa, funzione renale, lipemia, etc.) sia 9 RCT e uno studio di coorte su bambini che avevano come endpoint l'effetto sulla pressione arteriosa.
Secondo questa seconda analisi la riduzione del sodio con l'alimentazione porta ad una diminuzione della pressione arteriosa media mentre non ha alcun effetto negativo sui lipidi palsmatici, sulle catecolamnine e sulla funzione renale.
Quello che piu’ conta, pero’, e’ che si e’ registrata, negli adulti, una diminuzione del rischio di ictus e della coronaropatia fatale.
 
Che dire? Queste ultime evidenze suggeriscono che la riduzione del sale alimentare non solo porta ad un abbassamento della pressione arteriosa e non sembra associata ad effetti negativi, ma, probabilmente, vi sono benefici anche in termini di riduzione di eventi hard come l'ictus e l'infarto fatale.
Ne consegue che consigliare una dieta con poco sale e’ ancora una pratica valida, almeno in attesa di future smentite, improbabili ma che non si possono escludere a priori.
 
Renato Rossi
 
Bibliografia
 
1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=5369
 
2. He FJ et al. Effect of longer term modest salt reduction on blood pressure: Cochrane systematic review and meta-analysis of randomised trials. BMJ 2013;346:f1325
 
3. Aburto NJ et al. Effect of lower sodium intake on health: systematic review and meta-analyses
BMJ 2013;346:f1326
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi