Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 32 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Criteri di responsabilita' medica: " piu' probabile che non"
Pubblicato da dzamperini in data 30/03/2018 00:00
Normative di interesse sanitario


E' l' assistito che deve dimostrare che deve dimostrare che la condotta del sanitario è stata la causa del danno; tale dimostrazione si dave basare sul criterio del "piu' probabile che non" (Cass. III civile n. 26824/2017)


I fatti: 
a un neonato era stata riscontrata una retinopatia a carico dell' occhio destro, che poi aveva portato alla perdita totale della vista.

La patologia in causa poteva riconoscere diversi fattori causali, evidenziati nel corso dei procedimenti giudiziari: una malformazione congenita della retina, un'infezione da citomegalovirus, una iperossia da eccessiva somministrazione di ossigeno.
Solo il terzo fattore poteva essere ricondotto a responsabilita' dei sanitari

Nel corso del procedimento giudiziario non era stato dimostrato in alcun modo che il danno alla salute del bambino potesse essere ricondotto causalmente alla condotta dei medici e della struttura sanitaria che lo avevano in cura. La causa piu' probabile era invece che la malformazione fosse congenita o comunque preesistente alla nascita.
Per questi motivi la richiesta di risarcimento era stata rigettata sia in primo che in secondo grado..

Ricorsi in Cassazione, questa ha ribadito che l'onere di dimostrare il nesso causale tra la condotta del medico e il danno di cui si chiede il risarcimento grava in capo al paziente danneggiato. A tal fine, l'attore deve provare, con qualsiasi mezzo a sua disposizione, che la condotta del sanitario ha cagionato il danno secondo il criterio del "più probabile del non".

Poiche' questo criterio non era stato rispettato e la responsabilita' dei sanitari non sufficientemente dimostrata essendo la causa del danno rimasta incerta, la domanda di risarcimento e' stata rigettata .

Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.51 Secondi