Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Le Api, nostre preziose alleate contro il COVID
Pubblicato da dzamperini in data 09/03/2022 00:00
Archivio storico


Lo dimostra una recente ricerca italiana


Le api, ignorate e maltrattate dalla nostra società industriale, sono molto generose con noi. L'ultima sorprendente scoperta è che possono aiutarci a monitorare i percorsi del Sarscov2 dai focolai di contagi alle più periferiche aree rurali.
Ce lo dimostra una originale ricerca biologica ed ecologica compiuta dalla Università di Bologna e dal Centro Ricerche Agricoltura ed Ambiente della Regione Emilia(1).
La ricerca parte da alcune premesse, raccoglie analiticamente alcuni dati verificabili e riproducibili, e ci propone alcune interessanti conclusioni.

Eccone il sommario:1) il particolato presente nell'atmosfera favorisce la trasmissione del Sars COV 2. 2) Le api sono instancabili raccoglitrici di campioni biologici e chimico- tossicologici dall'ambiente. 3)I ricercatori hanno riscontrato la presenza del virus Sars COV 2 sul particolato pm10 e pm 2,5 depositatosi sul corpo delle api. 4)Le api sono preziosissimi sensori per molti entità biologico-ambientali sulla base di questa e i altre ricerche potrebbero essere utilizzate per monitorare la presenza e la concentrazione nell'ambiente di vari microorganismi e del virus Sars-Cov2 in particolare.

Per ciò che concerne il punto 1 ,è ormai accertato che l'inquinamento dell'aria può favorire la diffusione del virus Sars COV 2 sia attraverso un'azione tossico- infiammatoria sulle vie respiratorie, sia attraverso l'assorbimento nel particolato( pm10 e pm 2,5) di particelle virali che verrebbero quindi veicolate direttamente nelle basse vie respiratorie(2).
In merito al punto 2 le api sono dei preziosissimi sensori biologici ed ecologici per le loro caratteristiche morfologiche ed in particolare per la presenza nel loro corpo di numerose setole e peluria sopra i quali si depositano sostanze chimiche, vari microrganismi ed anche particelle di particolato; inoltre grazie alla loro instancabile attività ed alla loro stupefacente mobilità (una singola ape può perlustrare un area di 7 km quadrati) sono più efficienti di qualsisi sensore creato dall’uomo.
Per ciò che riguarda il punto 3 i ricercatori hanno utilizzato metodiche già utilizzate in precedenti ricerche per raccogliere ed identificare fitopatogeni depositati sul corpo delle api;nel nostro caso i campioni sono stati raccolti mediante micropettini e microtamponi dai peli e dalle setole delle api all’ingresso nell'alveare; i campioni furono sottoposti a ricerca del RNA del Sars COV 2 che fu chiaramente evidenziato sul corpo delle api.
Infine, punto 4 era necessario escludere che il virus forse originariamente presente nell’alveare e che le api fossero semplicemente portatrici. L'esame dei prodotti dell'alveare ed in particolare del miele e della cera non evidenziò la presenza di RNA virale: il virus dunque proveniva dall'esterno verosimilmente dal particolato assorbito sul corpo delle api.


Commento
Questa originale ricerca italiana presenta vari motivi di interesse. Anzitutto si tratta di una ricerca biologica- ecologica che si propone di studiare un fenomeno, la diffusione del Sars COV 2, nel contesto ambientale in cui si è manifestato. Inoltre la ricerca valorizza la grande risorsa ecologica e biologica costituita dalle api, prezioso alleato nell'indagine su fenomeni naturali complessi, una sorta di sofisticato micro-robot biologico.
Inoltre l’ape lavora per noi gratuitamente, non inquina, apporta grandi benefici alla natura ed all'ambiente, è riciclabile, ci regala cera e miele e da qualche tempo ci offre molti importanti preziosi dati per comprendere fenomeni altamente complessi.
Cosa pretendere di più???


Riccardo De Gobbi



Bibliografia
1) Cilia G, Bortolotti L, Albertazzi S et Al.: Honey bee (Apis mellifera L.) colonies as bioindicators of environmental SARS-CoV-2 occurrence Science of the Total Environment 805 (2022) 150327 http://sciencedirect.com/science/article/pii/S0048969721054048?via%3Dihub
2) L’inquinamento dell’aria può favorire il diffondersi del Sars-Cov2? http://pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=7503

 
Links Correlati
· Inoltre Archivio storico
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Archivio storico:
Certificato di malattia nei giorni festivi



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.48 Secondi