Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Rifiuta di visitare un paziente in codice giallo? Colpevole
Pubblicato da dzamperini in data 10/09/2022 00:00
Normative di interesse sanitario



Commette il reato di rifiuto di atti di ufficio il medico che si rifiuta perentoriamente di visitare il paziente oncologico grave con veramente pleurico in corso, perché è inutile. In presenza di una situazione critica si e’ fuori dall’ambito di discrezionalita’ del medico (Cass 23406/2022)


I fatti: 
Un medico in servizio in un reparto di medicina  viene condannato in primo e secondo grado per "Rifiuto di atti di ufficio" ('art. 328 c.p.) in quanto si rifiutava di visitare in qualità di medico in servizio nel reparto di medicina un paziente neoplastico con versamento pleurico destro e difficolta’ respiratorie, inviatogli dal Pronto Soccorso dove era stato assegnato un codice giallo in quanto affetto da una forma morbosa grave.
Al sanitario veniva contestato anche l’accesso nel reparto con 45 minuti di ritardo rispetto all'inizio del turno, ma soprattutto di essersi rifiutato di visitare il paziente suddetto nonostante i solleciti del figlio, a cui il medico voltava, le spalle allontanandosi.
Il figlio, a quanto risulterebbe, avrebbe poi aggredito il medico.

Il medico ricorreva in Cassazione e, a sua difesa, sottolineava che l’ accesso in ritardo nel reparto poteva rivestire inadempimento contrattuale, ma non penale.
In secondo luogo ritiene che il vero responsabile della mancata visita sarebbe il medico del turno precedente, che non può lasciare il reparto fino a quando il medico del turno successivo non sia arrivato;
Sostiene inoltre di non aver potuto vistare il paziente perché aggredito dal figlio di quest'ultimo;

La Cassazione respingeva il ricorso del medico.
Si sottolineava come fosse provato il rifiuto dell'imputato al compimento degli atti d'ufficio a cui era tenuto non a causa del ritardo, bensì per il suo netto rifiuto. Il ritardo era stato valutato solo come indice rivelatore della condotta del medico nella vicenda nel suo complesso.

Veniva giudicata inammisibile anche la giustificazione addotta dal sanitario che aveva affermato che: "la visita al paziente non si sia potuta svolgere a causa della feroce aggressione da parte dei familiari del degente" perché sia la sentenza di primo grado, che la sentenza impugnata hanno accertato che il rifiuto dell'imputato a visitare il paziente è stato anteriore all'aggressione e ne è stato la causa, non la conseguenza.

Dalla sentenza emerge che "sono state accertate poi le plurime sollecitazioni rivolte all'appellante affinché si recasse a visitare quel degente, così come la scelta delibata di non farlo... Netto è il rifiuto di visitare l'uomo, manifestato anche inforcando il corridoio che portava al reparto di cardiologia, abbandonando parenti e paziente, decidendo di non visitarlo."

Nella sentenza e’ stato precisato che "si era obiettivamente al di fuori dell'ambito della discrezionalità tecnica del medico, in quanto le condizioni del paziente erano critiche e sussisteva un preciso obbligo del medico di procedere immediatamente alla visita del paziente, peraltro in attesa da un'ora e mezza."

In ogni caso, ricorda la Corte: "integra il reato di rifiuto di atti di ufficio, la condotta del medico di guardia in servizio presso una casa di cura che, richiesto di prestare il proprio intervento da personale infermieristico in relazione alla progressiva ingravescenza delle condizioni di salute di un paziente ivi ricoverato, ometta di procedere alla visita ed alla diretta valutazione della situazione, a nulla rilevando che il paziente sia comunque assistito dal suddetto personale, incaricato di monitorarne le condizioni fisiche e i parametri vitali, e che, in tal caso, la valutazione del sanitario si fondi soltanto su dati clinici e strumentali."

Daniele Zamperini
 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.55 Secondi