Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
I gravi problemi dei cibi pluritrattati (UPF)
Pubblicato da dzamperini in data 05/12/2022 00:00
Medicina Clinica


Una preoccupante minaccia per la salute specie dei bambini.
L'eccessivo consumo di cibi pluritrattati ( “UPF”= ultra processed foods nella letteratura medica a lingua inglese) preoccupa seriamente i medici inglesi.



Gli “UPF” sono cibi o bevande che hanno subito ripetuti trattamenti chimici: nel caso dei cibi il trattamento consiste spesso nella frammentazione dei pezzi naturali con aggiunta di conservanti, coloranti, emulsificanti, modificatori del sapore, addensanti, il tutto miscelato e/o trattato con altri cibi liofilizzati ed in polvere ad esempio latte uova eccetera; nel caso delle bevande il trattamento potrebbe essere ancora più radicale, partendo dall'acqua ed aggiungendo “ad libitum” prodotti che agiscono sul colore, odore, sapore iniziale e retrogusto, sensazione tattile nella cavità buccale e quant’altro la fantasia degli esperti sa immaginare…

In buona sostanza chi si avvicina a questi cibi può venire attratto innanzitutto dal colore e dall'odore per essere successivamente gratificato dalle caratteristiche del sapore, di solito intenso ma se possibile di breve durata, in modo da suscitare in chi mangia il desiderio di un nuovo assaggio per riprovare la sensazione gradevole.


Quali sono i danni accertati?

I danni variano ovviamente a seconda della quantità, qualità e frequenza nel consumo di questi cibi, ma il dato importante è che, anche se è difficile fare previsioni per singoli soggetti, vi sono tuttavia certezze sui grandi numeri fornite dalle ricerche epidemiologiche: chi si alimenta con cibi e bevande pluri-trattate ha maggiori probabilità di sviluppare obesità, dislipidemie, diabete, ipertensione, e quindi malattie cardiovascolari e cerebrovascolari.(1)
E’ infatti chiaramente accertata la correlazione tra una più precoce mortalità per ogni genere di cause ed un forte consumo di questo tipo di cibi e bevande(2).
Vi sono inoltre preoccupanti segnalazioni anche se non ancora certezze, sulla correlazione tra questo tipo di cibi ed alcuni tipi di cancro, prevalentemente a carico del tubo digerente.(3)
A questi dati si sono purtroppo aggiunti recenti dati da vari studi, che sembrano confermare anche la associazione tra un elevato consumo di UPF e la precocità e la frequenza del manifestarsi di forme di demenza nei consumatori(4).

Secondo la stampa inglese il consumo di UPF, in particolare nelle scuole britanniche, si è esteso ad ampie fasce di popolazione mentre le autorità sanitarie non sembrano avere intrapreso alcuna seria iniziativa per contrastare questo fenomeno molto negativo per la salute, in particolare nei minori.

Poche settimane fa il British Medical Journal ha dedicato una pagina didattica a questo serio problema(5) esortando la autorità sanitarie inglesi ad informare adeguatamente i consumatori ed a mettere in atto alcuni semplici provvedimenti che potrebbero essere molto utili: ad esempio ridurre gli acquisti di UPF nelle mense degli enti pubblici, promuovere cibi poco trattati o semplicemente surgelati o liofilizzati, prevedere note informative per i consumatori nelle confezioni di tutti i cibi, effettuare fin dalle scuole primarie una educazione alimentare basata sulle attuali conoscenze scientifiche ed epidemiologiche.
Ed in Italia? Forse bisogna attendere un prossimo Comitato Tecnico-Scientifico, ovviamente di nomina politica !!!

Riccardo De Gobbi

Bibliografia

1) Srour B, Fezeu LK, Kesse-Guyot E, etal . Ultra-processed food intake and risk of cardiovascular disease: prospective cohort study (NutriNet-Santé). BMJ 2019;365:l1451.

2) Rico-Campà A, Martínez-González MA, Alvarez-Alvarez I, etal . Association between consumption of ultra-processed foods and all cause mortality: SUN prospective cohort study. BMJ 2019;365:l1949.

3) Fiolet T, Srour B, Sellem L, etal . Consumption of ultra-processed foods and cancer risk:results from NutriNet-Santé prospective cohort. BMJ 2018;360:k322.10.1136/bmj.k322 29444771

4 ) Huiping Li, Shu Li, Hongxi Yang et Al.:Association of Ultraprocessed Food Consumption With Risk of Dementia Neurology July 27 2022 https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000200871

5)Shaun Griffin: Sixty seconds on . . . ultra-processed food BMJ 2022;378:o1839 http://dx.doi.org/10.1136/bmj.o1839

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Pensieri e opinioni professionali

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.53 Secondi