Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
L’attesa invasione delle cimici dei letti
Pubblicato da dzamperini in data 17/11/2023 00:00
Pensieri e opinioni professionali


Tutti ne parlano, ma cosa e' meglio fare?


Il nome scientifico dell’ invasore (la cosiddetta “cimice dei letti”), è Cimex lectularius. Puo’ misurare fino a 5 mm., e’ di colore tra rosso scuro e marrone, ama gli spazi caldi e accoglienti e, percio’ si annida negli ambienti tiepidi della casa con particolare predilezione per i siti letterecci.

La cattiva notizia e’ che si e’ molto diffusa in altri Paesi (segnatamente la Francia) e, vista la nefasta esperienza col Covid, dobbiamo temere un superamento delle frontiere con invasione secondaria.

La buona notizia e’ che non e’ stata ancora rilevata, in Italia, una effettiva diffusione massiva del parassita, solo casi sporadici.

La notizia ancora migliore e’ che la cimice dei letti, seppure molto fastidiosa, non e’  portatrice di malattie per l’ uomo.

Ciononostante, il problema non va sottovalutato, a causa dei fastidi che il parassita e' comunque in grado di dare.
Vediamo cosa e’ possibile fare.

Limitare la diffusione:
E’ stato rilevato che uno dei posti preferiti di queste cimici sono le valigie. Cio’ comporta che, al ritorno da viaggi all’ estero (soprattutto se le valige sono rimaste in luoghi di non specchiata igiene) i viaggiatori portino con se’ inaspettati ospiti.
Un consiglio fornito dagli esperti e’ quello di imbustare le valige.  Negli aeroporti esistono servizi appositi che proteggono le valige avvolgendole nel cellophane. 
Ora sappiamo che questa metodica, oltre a proteggerci dai furti, ha anche importanti implicazioni igieniche. La regola del cellophane vale anche per i vestiti tenuti negli armadi degli alberghi.

Come si rileva l’ infestazione, quando succede?
L’ insetto adulto e’ ben visibile (circa 5 mm) mentre le uova sono lunghe appena 1-1,5 mm.
Il soggetto infestato potra’ notare sul corpo la presenza di punture simultanee, rossastre e pruriginose a grappolo, a distanza di pochi centimetri tra loro, perche’ l’ insetto si stacca e si riattacca da una parte ad un’ altra. 
Se le cimici non sono visibili, ma se ne sospetta la presenza, occorre cercare: 
-macchie fecali (soprattutto sui materassi e sulle lenzuola): piccoli puntini di colore marrone-nero;
-esemplari morti lunghi circa 5 mm, di colore marrone rossastro;
-uova: color crema, lunghe circa 1 mm;
-macchie di sangue: derivate dallo schiacciamento accidentale di esemplari ingorgati.


Come eliminarle?
La cosa non e’ facile perche’ i comuni insetticidi hanno un effetto solo parziale.
Ovviamente la soluzione piu’ sicura e’ quella di rivolgersi a disinfestatori professionali. 
Siccome pero’ tutti noi preferiamo iniziare col “fai-da-te” bisogna tener conto che le cimici sono sensibili allo shock termico, se applicabile in tempi rapidi.

Percio’ e’ molto utile l’ applicazione di calore elevato sul materasso e sugli altri luoghi dove si sopetta la presenza del parassita. Si puo’ usare:
-il vapore: il vapore saturo secco è in grado di uccidere tutti gli stadi di sviluppo della cimice per shock termico;
- il lavaggio in lavatrice a 55-60 gradi con successiva asciugatura in asciugatrice di tutti i capi sospetti infestati.
- Aspirazione dei residui con aspirapolvere. 
- Ove possibile, mettere il materiale sospetto in freezer per 24 ore
- Spargere insetticidi piretroidi che, anche se di effetto non garantito, possono essere comunque utili.

Chi non ama utilizzare prodotti chimici, puo’ anche tentare con i “rimedi della nonna” ( soprattutto la candeggina, che uccide le cimici da letto).

Se tutto fallisce, purtroppo, non resta che la ditta specializzata…

Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Varie utilità per il medico

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.43 Secondi