Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
L'OPINIONE SU... certificato di capacita' civile (intendere e volere)
Pubblicato da dzamperini in data 13/02/2024 00:00
Normative di interesse sanitario


 Chiede un medico di famiglia:
Mi viene richiesto di certificare che un mio assistito anziano e’ capace di intendere e di volere perche’ deve effettuare una compravendita e il notaio esige un tale certificato. Pero’ io non sono uno specialista. Conosco bene le condizioni del mio paziente, essendo il suo medico da anni, ma non corro rischi certificando condizioni di competenza specialistica?


In linea di massima puo’ farlo tranquillamente, ovviamente certificando quanto corrisponde alla realta'.
La legge infatti non riserva a particolari categorie specialistiche (come psicologi, psichiatri o medici legali) questo tipo di certificazione.  
La norma generale prevede che per poter emettere questi certificati il medico deve essere in possesso della laurea in Medicina e Chirurgia, dell’abilitazione all’esercizio della professione e dell’iscrizione al rispettivo albo professionale.
Quindi, ogni medico abilitato all’esercizio della professione e iscritto all’albo può rilasciare certificati, con qualche eccezione che pero’ non attiene a questo ambito.

Trattandosi sovente di pazienti anziani, essi sono affetti da multiple patologie legate anche all’ eta’, tuttavia, a scopi civilistici, non occorre una precisa diagnosi etiopatogenetica delle varie affezioni; la capacita’ di intendere e volere, a tali fini, non e’ legata a precise diagnosi di malattia o di disturbo mentale, ma va valutato soprattutto l’aspetto “funzionale”.
Si dichiara cioe’ che il paziente, per quanto riguarda la sua capacita’ civile, (testamenti, cessione o acquisto di beni ecc.) e’ consapevole di cio’ che sta facendo e intende veramente farlo.

In moltissimi casi la condizione e’ incontrovertibile: puo’ trattarsi di anziani lucidissimi o, al contrario, completamente avulsi dalla realta’, tuttavia (poiche’ in tali situazioni si innescano spesso contenziosi che mettono in dubbio la veridicita’ del certificato, soprattutto se a certificare e’ “solo” un medico generico) e’ bene non limitarsi alla sola dichiarazione della condizione di capacita’ o meno, ma e’ utile esplicitare le condizioni che supportano la diagnosi finale, approfondendo quanto riscontrato. 

Il medico puo’ percio’ accertare (riportando il tutto nel certificato) la condizione del paziente con un colloquio preliminare e con una serie di domande tese a esplorare sia la capacita’ cognitiva del paziente (orientamento spaziale e temporale,  il riconoscimento delle persone a lui vicino ecc.) sia la capacita’ volitiva (consapevolezza dell’atto civile che vuole compiere e conferma della volonta’ di volerlo fare). 
Per es: “ … appare orientato nel tempo e nello spazio, riconosce i presenti, appare consapevole dei motivi della visita ecc…”

Volendo, si possono anche applicare (non obbligatoriamente) dei test gia’ validati e di facile applicazione, quali lo SCAG o il MINIMENTAL TEST, riportandone poi i risultati.  

Nei casi “border-line” (che possono portare a contenziosi magari giudiziari) puo’ essere effettivamente difficile riportare una valutazione precisa, ed e’ quindi preferibile che il medico chieda una consulenza specialistica su cui basare le sue conclusioni, o trasmetta direttamente l’ incarico ad uno specialista. 

Questa prassi pero’, come gia’ detto, non e’ obbligatoria nei casi in cui il medico sia in grado di raccogliere tali elementi da solo.

Trattandosi di una certificazione a fini tipicamente medico-legali, non compresa tra gli obblighi assistenziali gratuiti, e’ bene informare preventivamente gli interessati che la prestazione e’ a carattere oneroso.

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi