Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Progetto Neuralink, primo chip nel cervello: certezze e molti dubbi
Pubblicato da dzamperini in data 23/04/2024 00:00
Pensieri e opinioni professionali



Elon Musk ha recentemente annunciato che la sua azienda Neuralink ha impiantato un microchip nel cervello di un paziente


In precedenti articoli abbiamo descritto le possibili applicazioni ma anche le perplessità suscitate dai dispositivi di interfaccia cervello-computer (Brain-Computer Interfaces, BCI), in grado sia di monitorare l’attività cerebrale, per decodificare e raccogliere i segnali, sia di intervenire su di essa [1, 2].

In questo ambito si inserisce il progetto di Elon Musk che ha recentemente annunciato la realizzazione, da parte della sua azienda, Neuralink, dell’impianto di un chip cerebrale in un essere umano.
In un post apparso su X.com (il social network da lui acquistato nel 2022 quando si chiamava Twitter) domenica 28 gennaio 2024 l’imprenditore ha scritto: «Il primo uomo ha ricevuto un impianto da Neuralink ieri e si sta riprendendo bene. I risultati iniziali mostrano un promettente rilevamento di picchi neuronali».
Lo studio ha avuto il placet della U.S. Food and Drug Administration (FDA), che aveva respinto una precedente richiesta [3].

Il primo paziente a cui è stato impiantato un chip wireless cerebrale è stato selezionato a seguito di una call per volontari rivolta a persone tetraplegiche o con sclerosi laterale amiotrofica (SLA).
Secondo la brochure di studio dell’azienda, il chip Neuralink contiene 64 fili polimerici flessibili, più sottili di un capello umano, che forniscono 1.024 siti per la registrazione dell’attività cerebrale.
Oltre al dispositivo di Neuralink, altri sono in fase di sviluppo e alcuni sono già stati testati sugli esseri umani ad opera di concorrenti come Blackrock Neurotech, Synchron, Precision Neuroscience [4].

Quali problemi potrebbe risolvere Neuralink?
L’obiettivo del dispositivo è registrare e decodificare l'attività cerebrale, per consentire a pazienti con grave paralisi, ad esempio malati di SLA, di controllare un computer, un braccio robotico, una carrozzina elettrica, uno smarthone o altri dispositivi attraverso il solo pensiero.
Non a caso il nome "commerciale" del dispositivo è Telepathy.

Quali sono i costi di Neuralink
Neuralink ha comunicato finanziamenti per un totale di oltre 320 milioni di dollari solo nel 2023, tuttavia, il prezzo previsto per un impianto sarà di circa 40.000 dollari, con l'obiettivo di renderlo più accessibile in futuro nonostante un costo di produzione stimato di almeno 10.000 dollari. Non è ancora noto, invece, come funzionerà, e quanto costerà, la manutenzione dei microchip [5].

Quali perplessità suscita Neuralink
Mancano dimostrazioni di sicurezza del dispositivo e prove di efficacia a breve ma soprattutto a lungo termine. Molti ricercatori sono preoccupati per la mancanza di trasparenza che circonda l’impianto. Non c'è stata alcuna conferma dell'inizio del processo, a parte il tweet di Musk. La principale fonte di informazioni pubbliche sulla sperimentazione è un opuscolo di studio che invita le persone a parteciparvi.
Lo studio non è registrato su ClinicalTrials.gov, l’ archivio online curato dal National Institutes of Health degli Stati Uniti dove vengono registrati gli studi e i relativi protocolli, ad esempio per valutare la sicurezza della metodica in termini di eventi avversi quali ictus, emorragia, infezioni.

La brochure di studio di Neuralink riporta che i volontari saranno seguiti per cinque anni. Indica inoltre che la sperimentazione valuterà la funzionalità del dispositivo, con i pazienti che lo utilizzeranno almeno due volte alla settimana per fornire feedback sull’esperienza. Anche la qualità dei segnali neuronali richiede un attento monitoraggio per verificare l’assenza di peggioramento, evento comune nei dispositivi esistenti. E’inoltre importante osservare il funzionamento wireless in ambienti non di laboratorio [4].
Altri elementi che fanno pensare sono il ruolo dello stesso Musk e le prospettive future del progetto. Come afferma Padre Benanti, presidente della commissione Ai per l'informazione, esiste il rischio che il miliardario, che è già riuscito a cambiare le regole del gioco in un ambito come quello spaziale, possa fare la stessa cosa con Neuralink, trasformando la ricerca neuro-scientifica in un nuovo profittevole mercato. Il secondo elemento è di prospettiva: i dispositivi in grado di interagire con il cervello per consentire ai malati di esprimersi e muoversi potrebbero essere utilizzati per modificare il funzionamento della mente [6].
Lo stesso Musk ha annunciato in passato l’intenzione di realizzare sistemi in grado di consentire, per mezzo dei microchip, di “salvare” i ricordi e “scaricarli” su un altro corpo umano o robot, amplificandoli o cancellandoli selettivamente. In pratica si tratterebbe di un “hackeraggio del cervello”, una prospettiva di per sť terrificante in grado di suscitare inquietanti interrogativi sulla legittimità e ammissibilità etica di un intervento esterno sui processi cognitivi.

Conclusioni
Il progetto di Neuralink e di aziende simili promette grandi risultati, sfide impensabili fino a qualche anno fa, con ricadute di estrema rilevanza in ogni campo della vita, dalla salute al diritto.
Sono peraltro da risolvere problemi di efficacia a breve e a lungo termine, sicurezza e trasparenza. In aggiunta, rispetto ad altre tecnologie, è indispensabile stabilire i limiti oltre i quali non è tollerabile andare. In particolare occorre limitare il loro uso improprio per impedire la violazione dell’ultimo baluardo dell’identità soggettiva dell’uomo, la mental privacy, cioè l’accesso ai nostri pensieri, terreno sinora immune da ogni interferenza esterna.

Giampaolo Collecchia e Riccardo De Gobbi

[b]Bibliografia[b/]
1) http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=7607
2) http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=8051
3) http://https://www.reuters.com/science/elon-musks-neuralink-gets-us-fda-approval-human-clinical-study-brain-implants-2023-05-25/
4) http://https://www.nature.com/articles/d41586-024-00304-4
5) http://https://www.focus.it/scienza/scienze/neuralink-telepathy-annuncio-microchip-cervello-umano
6) http://https://www.avvenire.it/amp/rubriche/pagine/musk-neuralink-br-e-gli-altri-domande-oltre-gli-annunci

 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.42 Secondi