Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
L’OPINIONE SU… continuazione di malattia dopo scadenza della prognosi
Pubblicato da dzamperini in data 28/04/2024 00:00
Normative di interesse sanitario



Sono un medico di famiglia.
Mi capita abbastanza spesso che qualche mio paziente che ha subìto un infortunio o un sinistro riprenda l’ attivita’ lavorativa allo scadere della prognosi ma poi mi chieda ancora certificati di continuazione di malattia a scopo assicurativo. E’ possibile dichiarare il paziente “guarito” a scopo lavorativo e “malato” a scopo assicurativo?


La procedura e’ senz’altro possibile, qualora ne risultasse l’effettiva rispondenza al vero.
Bisogna infatti distinguere due diverse fattispecie:
- L’ “inabilita’ lavorativa”, riguarda il periodo in cui la malattia impedisce la ripresa del lavoro
- Cosa diversa e’  la “durata della malattia” che riguarda il periodo in cui, pur non impedendo l’ attivita’ lavorativa, persista uno stato patologico parzialmente invalidante e che  invece interessa eventuali societa’ assicurative o altre realta’ (scuole, palestre, ecc).  

In altre parole, si puo’ certificare che il paziente abbia recuperato la sua idoneita’ lavorativa e quindi essere idoneo a riprendere la propria attivita’ pur essendo ancora “malato” (e cioe’ affetto da un processo patologico ancora in fase evolutiva).
Le due valutazioni (durata della malattia e durata dell’ inabilita’ lavorativa) possono quindi legittimamente divergere. 

Un esempio molto banale: un paziente affetto da “dermatosi seborroica del capillizio” (vulgo: forfora) con prognosi dermatologica di trenta giorni chiede un certificato di esenzione dal lavoro per l’ intero periodo.  
Il certificato e’ ovviamente improponibile per il lavoro, possibile solo per usi privati (assicurazioni ecc.)

Quindi in sostanza i certificati di malattia per infortunio o per postumi di sinistro non devono corrispondere necessariamente al periodo di riposo dal lavoro ma possono essere stilati, ovviamente se corrispondenti al vero, anche per soggetti che abbiano ripreso il lavoro.
La prognosi puo’ divergere, anche sostanzialmente, a seconda delle finalita’ del certificato.

Daniele Zamperini

 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi