Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Obbligo di informare il paziente se la diagnosi non e' certa
Pubblicato da dzamperini in data 07/03/2012 00:00
Normative di interesse sanitario
Il medico deve informare la paziente della possibilità di malformazioni non rilevate alla visita
Nel caso di malformazioni fetali non ravvisate in corso di normali controlli medici, i sanitari rispondono di inadempienza qualora non abbiano avvertito la paziente della possibilita’ che le attrezzature usate siano inadeguate (Cass. N. 1586/2011)
Daniele Zamperini



Una donna, nonostante una diagnosi di normalita’ del feto, aveva dato alla luce una bambina gravemente malformata.

La domanda di risarcimento proposta dai genitori nei confronti del medico e della Asl di Frosinone, basata sul fatto della mancata diagnosi e della conseguente mancata informazione che avrebbe permesso di abortire,  era stata respinta sia in primo che in secondo grado.
I genitori proponevano allora ricorso in Cassazione, che accoglieva la loro tesi.
 
La Corte infatti stabiliva  che il sanitario, qualora formuli una diagnosi di normalità morfologica del feto (anche sulla base di esami strumentali che non hanno consentito, senza sua colpa, di visualizzare il feto nella sua interezza), ha l'obbligo di informare la paziente della possibilità di ricorrere a un centro di più elevato livello di specializzazione.
Questo per permettere l'esercizio del diritto di interrompere la gravidanza, ricorrendone i presupposti.
"Riguardando la domanda risarcitoria – dice la Corte - la mancata informazione si è rivelata impeditiva della facoltà, per la gestante, di interrompere la propria gravidanza" per cui sussiste "la responsabilità del sanitario, siccome tenuto, comunque, ad informazione, in relazione alla possibile inidoneità delle attrezzature usate".
 
La giurisprudenza si fa sempre piu’ punitiva!
 
Links Correlati
· Inoltre Normative di interesse sanitario
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Normative di interesse sanitario:
Tutti in pensione alla stessa eta': lo dispone la CEE



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Normative di interesse sanitario

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.30 Secondi