Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 33 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterà di accedere ai servizi del sito.


 
Rischio di caduta dell' anziano: importante saperlo valutare
Pubblicato da dzamperini in data 22/06/2012 00:00
Pensieri e opinioni professionali Le cadute sono piuttosto frequenti negli anziani: nel Regno Unito esse sono responsabili del 14% dei ricoveri urgenti e del 4% di tutti i ricoveri , che avvengono generalmente per i traumi correlati alla caduta.(1).
Di Riccardo De Gobbi

Le cadute possono essere la conseguenza di un problema neuro-motorio ( paresi, Parkinson, neuro-miopatie ecc.), di un problema internistico ( sincope,crisi vertiginose ecc.) oppure più semplicemente di un problema legato all’ambiente in cui è inserito l’anziano ( barriere architettoniche, arredamento non adeguato, mancanza di ausili).
Vi sono tuttavia autorevoli ricerche che dimostrano che buona parte delle cadute possono essere prevenute mediante individuazione dei soggetti e delle situazioni a rischio e mediante correzione dei fattori di rischio.(2)
Possiamo anzitutto elencare le più frequenti condizioni che favoriscono le cadute nell’anziano (Tab1)
 
TABELLA 1
Condizioni che favoriscono le cadute nell’anziano
1.               Disturbi dell’equilibrio e della mobilità
2.               Disturbi Visivi non corretti
3.               Problemi cognitivi : deficit e demenze
4.               Episodi sincopali
5.               Episodi Vertiginosi
6.               Problema ai piedi od agli arti inferiori: dolori,deformità, calzature inadeguate
7.               Uso di farmaci che riducono la vigilanza od il coordinamento motorio o la forza muscolare
8.               Fattori ambientali: barriere architettoniche, accessibilità e sicurezza dei vari ambienti, disponibilità di ausili e supporti
9.                
(*)(*) Nota: La larga maggioranza degli anziani vive in abitazioni che non sono state costruite né arredate per le necessità degli anziani. Con il passare degli anni il divario tra le necessità dell’ anziano e le offerte dell’ambiente domestico diviene sempre più accentuato e richiede inevitabilmente interventi correttivi
 
La Valutazione  del rischio di caduta
 
La conoscenza delle condizioni che favoriscono le cadute è il primo importante fattore di prevenzione.
Il passo successivo è quello di una accurata anamnesi e di un diligente esame clinico del paziente: la raccolta e la integrazione di questi dati ci permettono di inserire il paziente in una fascia di rischio  (valutazione qualitativa: rischio basso medio alto).
Esistono inoltre numerosi test di valutazione quantitativa, alcuni dei quali controllati e validati da studi su un numero adeguato di pazienti.
Nell’ambito della medicina pratica i requisiti essenziali sono la affidabilità  ma anche la applicabilità , che è direttamente correlata al tempo ed alla difficoltà di esecuzione: in questi anni si è affermato nei paesi anglo-sassoni un test semplice validato ed affidabile: il “Get up an Go Test”.(3)(4) 
Nella Tabella 2 una descrizione del test e delle preziose indicazioni che esso ci può fornire.
 
TABELLA 2
Get up and Go Test
Descrizione
Il paziente siede in una sedia senza braccioli ed indossa indumenti e calzature comode;può utilizzare un bastone se lo fa usualmente
Si richiede al paziente:
1.               Alzarsi dalla sedia senza aiutarsi con le braccia
2.               Restare nella posizione eretta
3.               Camminare per 3metri
4.               Girarsi di 180°
5.               Ritornare alla sedia
6.               Sedere senza aiutarsi con le braccia
7.                
Cosa può svelarci il Test
1.               Lentezza nella esecuzione ( un tempo superiore a 12 secondi viene considerato anormale)
2.               Necessità di un supporto esterno
3.               Andatura “aprassica”(passi corti, strascicati)
4.               Andatura “atassica” (instabile, su base allargata)
5.               Andatura”festinante”e mancata oscillazione degli arti
6.               Andatura esitante
7.               Andatura “antalgica”
 
Conclusioni
Quando un anziano cade e si procura una frattura,  le sue condizioni psico-fisiche possono deteriorarsi  definitivamente: la famiglia può subire un considerevole stress e le condizioni di vita dei familiari possono peggiorare compromettendo così anche il loro stato di salute.
Le ricerche dei colleghi inglesi ci dimostrano come un medico diligente abbia necessità di poche conoscenze, poche competenze e qualche buon test per  individuare i  soggetti a rischio e mettere in atto le misure preventive che possono evitare o rinviare nel tempo la caduta e le sue complicanze.
Un minimo sforzo insomma, per conseguire un importante risultato…
 
 
Biblografia
 
1.  Close  J et Al.:  Prevention of Falls in the Elderly Trial  (PROFET): a randomized controlled trial  Lancet 1999;353:93-7
2.  Close JCT et Al.: Fall Assessment  in older people  BMJ 2011;343:d5153
 3.  Mathias S et Al.: Balance in elderly patient: the “get up and go test”        Arch. Phys. Med. Rehabil 1986;67:387-9
4.   Rose DJ et Al.:  Predicting the probability of falls in community residing
 older  adults using the 8-foot up-and-go
 J. Aging Phys. Activ.  2002; 10: 466-75 
 
Links Correlati
· Inoltre Pensieri e opinioni professionali
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Pensieri e opinioni professionali:
La scelta di una Linea guida in Medicina generale



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Varie utilità per il medico

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.58 Secondi