Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Prostatectomia o radioterapia nel cancro prostatico?
Pubblicato da dzamperini in data 27/09/2014 00:00
Medicina Clinica Uno studio osservazionale svedese suggerisce che, nel cancro prostatico non metastatico, la prostatectomia è superiore alla radioterapia in termini di riduzione della mortalità nei pazienti più giovani e in buon salute.
 

Nel paziente con cancro prostatico il trattamento si basa sulla prostatectomia, sulla radioterapia oppure sulla terapia ormonale.
 
Uno studio osservazionale svedese su quasi 35.000 pazienti ha cercato di determinare quale delle due opzioni, tra chirurgia e radioterapia, sia preferibile in termini di aumento della sopravvivenza.
In circa due pazienti su tre la terapia scelta èra la prostatectomia. I partecipanti allo studio sono stati suddivisi in quattro fasce di rischio: rischio basso, intermedio, elevato e cancro metastatico.
Nel caso di forme non metastatiche l'analisi dei dati ha permesso di evidenziare che la mortalità era minore per la prostatectomia, nel senso che con la radioterapia si aveva un aumento della mortalità: mortalità nel gruppo chirurgia del 1.4% e nel gruppo radioterapia del 4,9%.
Nel caso, invece, di cancro metastatico non si sono evidenziate differenze tra intervento chirurgico e radioterapia.
I benefici più eclatanti della chirurgia si sono riscontrati nei pazienti più giovani ed in buona salute con forme di cancro a medio e ad alto rischio.
 
Come si può facilmente capire il disegno osservazionale dello studio presta il fianco a possibili distorsioni perchè, mancando la randomizzazione, si può ipotizzare che i due gruppi non fossero paragonabili.
 
In ogni caso, pur con questi limiti, qualche conclusione si può trarre.
L'intervento di prostatectomia è preferibile nei pazienti con meno di 70 anni e senza patologie concomitanti importanti.
Nei pazienti più anziani e/o con morbilità significative può essere ragionevole scegliere la radioterapia.
Nei pazienti con forme metastatiche non sembrano esserci differenze tra chirurgia e radioterapia. D'altra parte in questi casi spesso si ricorre solo alla terapia medica.
 
 
Renato Rossi
 
 
Bibliografia
 
Sooriakumaran P et al. Comparative effectiveness of radical prostatectomy and radiotherapy in prostate cancer: observational study of mortality outcomes
BMJ 2014 March 1;348:g1502
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.36 Secondi