Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 43 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Le cause principali della depressione erettile
Pubblicato da dzamperini in data 20/05/2008 00:00
Medicina Clinica Secondo un recente studio l'età, il diabete, l'uso di alcuni farmaci antidepressivi e ipotensivi e la presenza di disturbi ostruttivi urinari sono i principali fattori di rischio associati alla disfunzione erettile.

 In questo studio sono stati esaminati i dati sanitari di 1370 uomini (età 40-85 anni) che partecipavano ad uno studio americano, il National Health and Nutrition Examination Survey negli anni 2001 e 2002.
Una disfunzione erettile (definita come impossibilità ad avere una erezione tale da consentire un rapporto sessuale completo) era presente nell'8% dei casi. Tuttavia, com'è ovvio aspettarsi, la percentuale era molto più bassa nei soggetti più giovani (circa 1%) e molto più elevata negli ottantenni (56%). Oltre all'età i fattori maggiormente associati alla disfunzione erettile (DE) erano il diabete (OR 2,6; IC95% 1,3-5,2), l'uso di alcuni farmaci antidepressivi (OR 5,2; IC95% 1,7-15,9), l'abitudine tabagica (anche pregressa), la presenza di sintomi di ostruzione urinaria (OR 2,0; IC95% 1,2-3,4).

Anche l'uso di farmaci antipertensivi (beta-bloccanti, diuretici, clonidina e alfametildopa) era associato ad un aumento del rischio di disfunzione erettile (OR 3,0; IC95% 1,6-5,9). Però nei pazienti ipertesi che assumevano altri tipi di ipotensivi lo studio non ha riscontrato alcuna relazione con il disturbo di erezione.
Fonte:  Journal of Urology 2007 Aug; 178:591-6
 
Commento di Renato Rossi
Si tratta di uno degli innumerevoli studi osservazionali che ha cercato di determinare quali sono i fattori maggiormente associati al rischio di disfunzione erettile. I risultati sono abbastanza scontati. Si sapeva che, oltre all'età, vi sono numerosi farmaci (tra cui ricordiamo, oltre a quelli citati nello studio, gli estrogeni, gli antiandrogeni, la digoxina) e numerose condizioni patologiche (oltre al diabete anche l'ipogonadismo, le tireopatie, il morbo di Addison e quello di Cusching, l'iperprolattinemia, l'insufficienza renale, patologie cardiovascolari, malattie nervose, BPCO) e l'abuso di sostanze (fumo, narcotici, alcol).

Studi precedenti avevano evidenziato che anche l'ipertensione in sè può causare disfunzione erettile. In quest'ultimo sembra che siano determinati farmaci antipertensivi piuttosto che lo stato tensivo a causare problemi di erezione. Questo potrebbe dipendere dal fatto che nello studio erano arruolati ipertesi con malattia lieve. Un dato interessante rilevato dallo studio è che anche la presenza di disturbi urinari di tipo ostruttivo è un fattore associato ad un aumento del rischio di DE. Di solito i disturbi ostruttivi urinari sono abbastanza indicativi, nei maschi adulti-anziani, di ipertrofia prostatica. Il meccanismo con cui l'ipertrofia prostatica potrebbe portare a disfunzione erettile rimane da chiarire.

Una spiegazione potrebbe essere che i nervi erigendi, che sono situati dietro e lateralmente alla prostata, possono venir compressi o comunque interessati in caso di ipertrofia e/o flogosi della ghiandola stessa.
Fonte: pillole.org

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.51 Secondi