Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale



Mezzo secolo di professione Medica.

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Amministrazione


 
Meniscectomia: quando ne vale la pena?
Pubblicato da dzamperini in data 08/12/2016 00:00
Medicina Clinica

 Un'analisi secondaria dello studio FIDELITY suggerisce che l'intervento di meniscectomia endoscopica potrebbe non essere utile neppure nei pazienti che, oltre al dolore, lamentano anche sintomi meccanici come blocco o impaccio articolare.


Lo studio FIDELITY aveva dimostrato che nei pazienti con lesioni meniscali senza segni di gonartrosi l'intervento artroscopico di meniscectomia parziale non ottiene risultati differenti rispetto alla semplice artroscopia simulata [1].
Molti, però, ritengono che nei casi di meniscopatia degenerativa che, oltre al dolore, comporti anche sintomi meccanici (blocco o impaccio articolare) l'intervento artroscopico di meniscectomia sia utile. Per cui si può delineare una strategia terapeutica differenziata: approccio conservativo nei casi di meniscopatia senza sintomi meccanici e intervento di meniscectomia nei casi in cui questi segni siano presenti.Arriva ora un'analisi secondaria dello studio che insinua qualche dubbio sulla bontà di questa strategia [2].
Lo studio ha esaminato, in particolare, quali sono gli esiti dell'intervento nella sottopopazione di soggetti con meniscopatia degenerativa che manifestavano sintomi meccanici.Si è visto che la frequenza e la gravità di tali sintomi al ginocchio era simile in chi era stato sottoposto ad artroscopia e meniscetomia sia in chi era stato sottoposto a intervento simulato.

Ci sembrano quindi ancora valide le conclusioni di un nostro precedente articolo [1]: prospettare al paziente, come prima scelta, una terapia conservativa (terapia medica, fisioterapia) e riservare l'intervento ai casi che non rispondono dopo un adeguato periodo di osservazione, informando il paziente sulle evidenze di letteratura in modo da evitare delusioni comprensibili qualora i risultati della meniscectomia fossero minori di quelli attesi.

Renato Rossi
Bibliografia1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6027
2. Sihvonen R et al. Mechanical Symptoms and Arthroscopic Partial Meniscectomy in Patients With Degenerative Meniscus Tear: A Secondary Analysis of a Randomized Trial.
Ann Intern Med.Pubblicato online il 9 febbraio 2016.
 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.33 Secondi