Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 29 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Antidepressivi SSRI non aumentano eventi dannosi cardiovascolari
Pubblicato da dzamperini in data 25/01/2017 00:00
Medicina Clinica


 Uno studio osservazionale inglese assolve gli antidepressivi SSRI dall'accusa di aumentare il rischio di eventi cardiovascolari.


Gli antidepressivi inibitori selettivi del reuptake della serotinina potrebbero essere associati ad un aumentato rischio di eventi cardiovascolari?

Per determinarlo alcuni autori hanno usato un database inglese per valutare il rischio cardiovascolare associato all'uso di antidepressivi in soggetti di età compresa tra i 20 e i 64 anni a cui era stata posta una prima diagnosi di depressione.
Sono stati valutati tre esiti importanti: infarto miocardico, ictus o TIA, aritmie.
Sono stati esaminati gli SSRI, i triciclici e altri antidepressivi. 
Il follow up medio è stato di 5 anni.

Si è visto che l'uso di antidepressivi non risultava associato ad un aumentato rischio di eventi rispetto al non uso. 
In particolare si è evidenziato che, durante il primo anno d'uso, gli SSRI erano associati ad una riduzione del rischio di infarto miocardico rispetto al non uso di antidepressivi.

Nessuna classe di antidepressivi risultava associata ad un aumento del rischio di ictus o TIA.

Anche per quanto riguarda le aritmie non vi era nessuna associazione tra uso di antidepressivi ed aumento del rischio. Soltanto per i triciclici vi era un aumento del rischio di aritmie nei primi 28 giorni di terapia. La fluoxetina risultava associata ad una riduzione del rischio di aritmie rispetto al non uso mentre per il citalopram non vi era nessun aumento del rischio anche per dosi elevate (>/= 40 mg/die).

In conclusione ci sembra che lo studio sia molto interessante. Ovviamente si tratta di uno studio osservazionale per cui non si possono escludere fattori di confondimento, però i risultati sono senza dubbio e per molti versi tranquillizzanti. Da notare, comunque, che lo studio ha riguardato soggetti di età inferiore ai 65 anni.

Interessante anche il dato che il citalopram, pur a dosi elevate, non è risultato associato ad un aumento del rischio di aritmie. Ricordiamo che la FDA aveva emanato una segnalazione secondo la quale l'uso di dosi elevate di citalopram potrebbe essere associato ad aumento dell'intervallo QT e aritmie come torsione di punta, tachicardia ventricolare e morte improvvisa. Per questo motivo la FDA sconsigliava di superare la dose di 40 mg/die [2].

Per quanto riguarda il medico pratico riteniamo sia utile attenersi sempre a quanto consigliato dalle ditte produttrici nelle relative schede tecniche, in particolare nelle sezioni sulle controindicazioni e sulle precauzioni per l'uso.


Renato Rossi

Bibliografia

1. Coupland C et al. Antidepressant use and risk of cardiovascular outcomes in people aged 20 to 64: Cohort study using primary care database. BMJ 2016 Mar 22; 352:i1350. 

2. http://www.fda.gov/Drugs/DrugSafety/ucm297391.htm

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.59 Secondi