Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 18 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
Paracetamolo in gravidanza e disturbi comportamentali del bambino
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


L'uso del paracetamolo in gravidanza potrebbe essere associato a disturbi comportamentali nei bambini esposti, ma sono necessari ulteriori studi prima di trarre conclusioni definitive.


L'uso del paracetamolo in gravidanza potrebbe essere associato a disturbi comportamentali nei bambini esposti, ma sono necessari ulteriori studi prima di trarre conclusioni definitive.


 I mass media italiani hanno dato molto risalto ad uno studio dell'Università di Bristol secondo il quale l'uso di paracetamolo in gravidanza sarebbe associato ad un aumento del rischio, per il bambino esposto, di sviluppare problemi comportamentali.

Si tratta di uno studio di tipo osservazionale in cui sono stati analizzati i dati dell'Avon Longitudinal Study of Parents and Children che aveva arruolato (tra il 1991 e il 1992) 7796 madri insieme ai loro figli e partners [1].

Lo studio suggerisce che l'uso del paracetamolo durante la gestazione risulta associato a problemi di tipo comportamentale nei bambini esposti. Questa associazione non sembra essere dovuta a fattori di confondimento (per esempio fattori di comportamento o fattori sociali che potrebbero essere il motivo di assunzione del paracetamolo).

In realtà questi dati non sono nuovi. Per esempio uno studio del 2014 (sempre di tipo osservazionale) evidenziava che l'uso del paracetamolo durante la gravidanza è associato ad un aumentato rischio, per i bambini esposti, di sviluppare la sindrome da deficit di attenzione/iperattività (ADHD) e la sindrome ipercinetica [2]. 
Lo studio aveva analizzato più di 64.000 bambini e madri arruolati nel Danish National Birth Cohort nel periodo 1996-2002. Il rischio era maggiore quando l'assuznione avveniva anche dopo il primo trimestre di gravidanza e per un uso frequente.
Dato che anche l'infiammazione e le infezioni sono state chiamate in causa nella ADHD gli autori hanno corretto i dati per questi fattori di confondimento che potrebbero essere stati la causa dell'assunzione di paracetamolo in molti casi, onde eliminare il cosiddetto "bias by indication".

Pur trattandosi di studi di tipo osservazionale, con i ben noti limiti che questi studi comportano, i risultati non devono essere sottovalutati. Infatti il paracetamolo è generalmente ritenuto sicuro in gravidanza e largamente assunto. Basti pensare che nello studio danese circa la metà delle donne analizzate aveva assunto paracetamolo mentre erano in gravidanza.
E' di enorme importanza, quindi, far luce sulla questione. 

Tuttavia è opportuno anche richiamare alla cautela prima di trarre conclusioni definitive, cosa che opportunamente fanno gli autori di entrambi gli studi concludendo che sono necessarie ulteriori ricerche e che questi risultati devono essere confermati da altri lavori.

Come si è detto altre volte, infatti, i risultati degli studi osservazionali possono essere gravati da vari fattori di confondimento e, per quanto gli autori mettano in atto sofisticate tecniche per eliminare questi limiti, è spesso difficile decidere se una determinata associazione sia o meno del tipo causa-effetto. Poichè è arduo ipotizzare la realizzazione di studi randomizzati e controllati sul paracetamolo in gravidanza sarà necessario effettuare altri studi di tipo osservazionale e di farmacovigilanza.

Per il momento è nostra opinione che la donna gravida che necessiti di assumere paracetamolo a scopo sintomatico lo possa fare, tenuto conto che generalmente l'assunzione sarà di breve durata e a dosi basse.
A questo proposito ricordiamo che la scheda tecnica del farmaco consiglia, nelle donne gravide, l'assunzione solo in caso di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

Renato Rossi

Bibliografia
1. JAMA Pedriatics. Pubblicato online il 15 agosto 2016.
2. JAMA Pediatr. 2014;168:313-320.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.54 Secondi