Responsabile: 
Daniele Zamperini 
O.M. Roma 19738 -
O. d. G. Lazio e Molise 073422  
daniele.zamperini@gmail.com
 
 
I Principi di questo sito 
Ordine_medici_padova.gif (3418 byte)
Patrocinato da O.M. della Provincia di Padova
Scienza e Professione
Portale Telematico di informazione scientifica e professionale

Noi aderiamo ai principi HONcode.Verify here  .

Medicina, Biologia, Psicologia, Normativa e Scienze Varie: tutto cio' che fa cultura - Sito Gratuito - Gestore Daniele Zamperini - P.IVA: 01743690586

Modules
· Home
· Archivio Generale
· Ultimi Articoli per Argomento
· Utilità scaricabili
· FAQ - Cosa faccio se...?
· Cerca in Archivio
· Archivio Cronologico
· Web Links
· Pannello utente
· Amministrazione


Who's Online
In questo momento ci sono, 12 Visitatori(e) e 0 Utenti(e) nel sito.

Vuoi accedere ai servizi del sito Scienza E Professione? Registrati Qui


Login
Nickname

Password

Se vuoi diventare un utente del sito puoi iscriverti Cliccando Qui. L'iscrizione permetterą di accedere ai servizi del sito.


 
L'epatopatia non alcolica
Pubblicato da dzamperini in data
Medicina Clinica


Sono state pubblicate le linee guida per l'epatopatia non alcolica.


L'epatopatia non alcolica può essere classificata in due sottotipi: la steatosi epatica non alcolica (NAFLD = nonalcoholic fatty live disease) e la steatoepatite non alcolica (NASH = nonalcoholic steatohepatitis).

L'argomento è già stato trattato in una pillola precedente [1]. L'occasione per ritornarvi è la pubblicazione, da parte del WGO (Worlg Gatroenterology Organisation), di linee guida alle quali ci siamo ispirati per la stesura di questo articolo riassuntivo [2].

La NAFDL è caratterizzata essenzialmente da un accumulo di trigliceridi nel fegato, la NASH dalla presenza di lesioni degli epatociti e flogosi epatica che si verificano in seguito all'accumulo eccessivo di trigliceridi. 

La NAFDL non comporta in genere un aumento della morbilità e della mortalità, perlomeno a breve termine. Tuttavia nel lungo periodo la NAFDL può progredire a NASH che può evolvere in alcune complicanze come la cirrosi, l'insufficienza epatica e il carcinoma epatocellulare.

Le cause della NAFLD e della NASH non sono note. Sono noti però alcuni fattori di rischio associati: insulinoresistenza, diabete tipo 2, obesità, sindrome metabolica, ipertensione, familiarità, dislipidemia, vita troppo sedentaria.

La diagnosi viene posta di solito in seguito al riscontro occasionale di test epatici alterati, di epatomegalia all'esame obiettivo o di alterata ecogenicità all'ecografia epatica. 

La clinica non permette di distinguere tra NAFDL e NASH. Tale distinzione può essere fatta solo con l'esame istologico che, ovviamente, non può essere proponibile per tutti, ma solo in soggetti in cui vi siano fattori di rischio per NASH. Un limite dell'esame istologico è che non riesce a distinguere tra steatoepatite nonalcolica e forma alcolica.

Molto importante è perciò l'anamnesi ed eventualmente alcuni esami che possono evidenziare uno stato di abuso etilico (aumento gamma-GT e volume globulare medio ma soprattutto aumento della trasferrina desialata).

Comunque, la diagnosi di epatopatia nonalcolica viene posta per esclusione dopo che sono state esaminate altre possibili cause come per esempio l'abuso di alcol, le epatiti virali o su base autoimmune, le lesioni epatiche da farmaci, etc.

La terapia, purtroppo, non può basarsi su evidenze di letteratura di qualità in quanto mancano studi clinici randomizzati e controllati. Infatti la World Gatroenterology Organisation ammette che le sue raccomandazioni sono basate sull'opinione di esperti [2], e anche sul buon senso, aggiungiamo noi.

I due cardini della terapia sono la dieta e l'esercizio fisico onde ottenere una perdita di peso del 5-10% in 6-12 mesi.

La dieta dovrebbe prevedere una riduzione del 25% delle calorie rispetto ad una dieta normale. 
L'esercizio fisico, di intensità moderata, dovrebbe essere effettuatao 3-4 volte alla settimana.
La chirurgia bariatriaca dovrebbe essere presa in considerazione in pazienti particolari con elevato BMI e che non rispondono alle misure adottate. L'intervento dovrebbe essere effettuato prima che si instauri una cirrosi perchè questa controindica la chirurgia bariatrica.

La terapia farmacologica può avvalersi di vitamina E o pentossifillina anche se i dati a disposizione non sono tali da poter trarre conclusioni definitive sulla loro efficacia.
In casi selezionati possono essere usati anche i tiazolidioni e la metformina che, però, sono attualmente considerati trattamenti sperimentali.
In fase di studio è anche la liraglutide, un analogo del GPL-1, che in uno studio su 26 pazienti ha dimostrato di poter portare ad una risoluzione del quadro istologico della steatoepatite non alcolica. Come notano giustamente gli autori, però, il dato richiede di essere confermato da studi di maggiori dimensioni [3].



Renato Rossi


1. http://www.pillole.org/public/aspnuke/news.asp?id=6160

2. LaBrecque DR et al. World Gastroenterology Organisation Global Guidelines: Nonalcoholic Fatty Liver Disease and Nonalcoholic Steatohepatitis. Journal of Clinical Gastroenterology July 2014. 48:467-473.

3. Armstrong MJ et al. Liraglutide safety and efficacy in patients with non-alcoholic steatohepatitis (LEAN): a multicentre, double-blind, randomised, placebo-controlled phase 2 study.
Lancet 2016 Feb 13; 387:679–690.

 
Links Correlati
· Inoltre Medicina Clinica
· News by dzamperini


Articolo più letto relativo a Medicina Clinica:
Quando ripetere una colonscopia, se negativa?



Valuta Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Per favore, prenditi qualche secondo e vota questo articolo:

Eccellente
Molto buono
Buono
Nella media
Pessimo



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile



Argomenti Associati

Medicina Clinica

Sito gestito e diretto da Daniele Zamperini, Roma, Medico e Giornalista-Pubblicista - Ultima modifica strutturale della pagina: 30/09/2012 - I singoli articoli riportano la data della loro pubblicazione
All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2005 by me.
You can syndicate our news using the file backend.php or ultramode.txt
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.47 Secondi